Slovacchia, omicidio del giornalista Kuciak: dietro ci sarebbe la ‘Ndrangheta, dimissioni nel governo

L’uccisione del giornalista Jan Kuciak  in Cecoslovacchia ha lasciato il paese nello sconforto non solo perchè non avvezzo a questo genere di omicidi ma anche per le ripercussioni relative alle scoperte legate al caso. Pare infatti che dietro questo delitto ci sia la ‘Ndrangheta. L’organizzazione malavitosa di origine calabresi che ormai ha radici in tutto il Mondo, potrebbe avere dei contatti con esponenti del governo locale. Due esponenti di quest’ultimo si sono infatti dimessi, ufficialmente per consentire lo svolgimento delle indagini senza coinvolgere il premier Robert Fico e denunciando la strumentalizzazione della vicenda. Il “Palazzo” di Bratislava risente della vicenda, con l’opposizioe che chiede la testa del premier e quest’ultimo che difende i suoi. Il giovane gioralista ucciso si era occupato in maniera particolare di 4 famiglie vicine ai clan calabresi che avevao affari diversificati in Slovacchia ma che si occupavano soprattutto di: agricoltura, fotovoltaico, biogas e del mercato immobiliare. Secondo la sua inchiesta,  i clan calabresi hanno lì decine di società e grazie a frodi e manipolazioni sfruttano milioni di euro dai fondi europei.

FMP

 

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano