Reggio Calabria, cerimonia di consegna di tre borse di studio in memoria del Magistrato Michele Barillaro

Palazzo Crupi gremito per la conclusione del Progetto “Giustizia e Umanità un Progetto per la Vita” in ricordo del Magistrato Michele Barillaro, voluto e promosso da Biesse Associazione Culturale Bene Sociale.  Tantissime le autorità presenti in un percorso sulla legalità che ha coinvolto quattro scuole reggine con la consegna di 50 libri” Tra Cielo e Terra”. Scritto proprio dal Magistrato scomparso  e  donati  da Biesse agli studenti dei diversi istituti scolastici che hanno ospitato l’iniziativa con l’obbiettivo di far conoscere la storia umana e professionale di Michele  Barillaro servitore dello Stato. Ad aprire la manifestazione le immagini di un video che ripercorre tutti i momenti salienti sulla legalità vissuti nel corso di questi mesi, con le note del famosissimo brano di Vasco Rossi “Un Mondo Migliore” che – afferma la Presidente Biesse Bruna Siviglia – è la colonna sonora del nostro fare lavorare per un mondo migliore perché tutto è possibile perfino credere che possa esistere un  mondo migliore. A dare il via alla cerimonia il Questore Raffaele Grassi Protagonista anche di questo percorso sulla legalità che ha avuto il merito di aver aperto le porte della questura agli imprenditori,  alle associazioni, agli studenti. Erano presenti anche il Presidente del Tribunale dei Minori Dott Roberto di Bella che ha messo in evidenza l’importanza di fare rete e di lavorare partendo dalle scuole per prevenire e far conoscere ai giovani il nostro territorio. Il Procuratore presso il Tribunale di Palmi Ottavio Sferlazza che ha presieduto la commissione giudicatrice per l’attribuzione delle borse di studio istituita all’interno della Biesse. La Dott.ssa Giuseppina Garreffa Responsabile Ufficio Giustizia Minorile preziosa guida in questo percorso di collaborazione che vede Biesse e Fondazione Benedetta è la Vita firmatarie di un  Protocollo d’intesa con il Tribunale dei minori,  Procura Minorile e  Ufficio Giustizia Minorile. Presenti anche l’assessore alle Politiche sociali Lucia Nucera,  il garante dei Detenuti comunale Agostino Siviglia,  il Consigliere Metropolitano Lamberti Castronuovo. Momenti di grande commozione e di gioa per i tre minori che hanno fatto un percorso di recupero umano e sociale meritandosi così l’attribuzione delle borse di studio di euro 500 ciascuna donate da Biesse Associazione Culturale Bene Sociale Presieduta  da Bruna Siviglia e Fondazione Benedetta è la Vita con la Presidente Carmela Cimino che ha voluto sposare il progetto Biesse con la donazione di  due borse di studio una invece è stata donata da Biesse attraverso la vendita di cento libri raccolta di poesie scritte da Michele Barillaro  il cui ricavato è stato destinato alla borsa di studio in suo memoria. Maria Stella IRITI, Diana Panella e Giuseppe De Vuono in tre minori che hanno ricevuto le borse di studio la loro gioa  la soddisfazione nei loro occhi per questo risultato raggiunto ripagano di tutta la fatica dice Bruna Siviglia non smettiamo mai di fare del bene, non abbiamo bisogno di simboli per combattere la legalità ma di opere e di azioni concrete, grazie a tutti i soci dell’associazione che con la loro generosità contribuiscono alla realizzazione  di progetti di aiuto e di sostegno verso chi ha bisogno.  Oggi è una giornata bellissima afferma con grande emozione Giuseppina Garreffa e ringrazia  le associazioni per questo percorso dì collaborazione, il Presidente Roberto Di Bella si congratula con i ragazzi con fare davvero paterno e ringrazia le associazioni e il mondo del volontariato che sostengono e contribuiscono ad aiutare chi vive nel disagio e nella difficoltà  una collaborazione questa che continuerà con un impegno sempre più forte. Presenti i famigliari Raffaele Barillaro la moglie e il Fratello Giuseppe. La Prof.ssa Caterina Capponi socia Biesse ha donato a Raffaele Barillaro una recensione dedicata al Magistrato scomparso dal titolo “Un Uomo Tra cielo e  Terra”.

Recommended For You

About the Author: PrM 1