Amichevoli: stasera Italia-Arabia Saudita. Torna Balotelli, debutto per ct Mancini

Il cammino della Nazionale Italiana di calcio riparte dal test match in programma questa sera  (ore 20. 45) contro l’Arabia Saudita. A San Gallo sarà debutto sulla panchina azzurra per il nuovo commissario tecnico, Roberto Mancini. Tra conferme, prime volte e ritorni, l’obiettivo dell’Italia è quello di ripartire. Dimenticare il mancato accesso ai Mondiali di Russia non sarà facile ma per riorganizzare al meglio il futuro servirà mettere da parte la beffa di San Siro. Una beffa che in casa azzurra mancava da 60 anni (1954). La svolta, iniziata lo scorso 8 Maggio con il “si” di Roberto Mancini, è adesso entrata nel vivo. Tra i convocati spicca senza alcun dubbio il ritorno di Super Mario Balotelli, giocatore che ritrova la maglia azzurra e soprattutto Roberto Mancini, allenatore con il quale ha già condiviso emozioni con le maglie di Inter e Manchester City. Tra la lista degli attaccanti anche Belotti e Chiesa, prima convocazione per Berardi. Tra i pali al posto di Buffon confermato Gigi Donnarumma, mentre in difesa spazio per D’Ambrosio e Caldara. Risalta l’assenza di Daniele De Rossi.

OBIETTIVI OPPOSTI: ARABIA SAUDITA IN VISTA MONDIALE
Se per l’Italia la sfida di San Gallo sarà una semplice partita amichevole dalla quale ripartire, per l’Arabia Saudita sarà uno dei test match pre-Mondiali. Inserita nel Girone A insieme a  Uruguay ed Egitto, l’Arabia Saudita farà il suo esordio nella partita inaugurale contro i padroni di casa della Russia. Con i pronostici a proprio sfavore e con un passaggio del turno quasi impossibile da raggiungere, i giocatori arabi preparano l’approdo con il grande appuntamento mondiale tra allenamenti e Ramadan. Una prova dunque importante per l’Arabia Saudita, una prova dalla quale gli uomini di mister Pizzi dovranno prendere il massimo. Sulla strada degli arabi il cuore italiano pronto per tornare a battere.

BALOTELLI E ZAZA: IL RITORNO DEI BOMBER
Assenti rispettivamente da quattro e due anni da Coverciano, Mario Balotelli e Simone Zaza tornano a vestire la maglia azzurra. Un “come back” importante per i colori azzurri e soprattutto per il reparto offensivo della Nazionale. Con Roberto Mancini, Super Mario può rilanciarsi a 360 gradi. La grande stagione con la maglia del Nizza frutto di 28 gol stagionali (18 in Ligue 1, 6 in Europa League, 1 nella qualificazione alla Champions League e 1 in Coppa di Francia) in 36 presenze sono per il 27enne motivo di rinascita e motivo non mollare nonostante il passato tortuoso. In cerca di una nuova chance anche Simone Zaza. La sua ultima partita, Italia-Germania all’Europeo 2016, è un momento che gli italiani difficilmente dimenticheranno. Quella sconfitta ai rigori con tanto di penalty fallito dallo stesso Simone Zaza rappresenterà per l’attaccante del Valencia l’anno zero, l’anno da cui ripartire.

A. P.

Recommended For You

About the Author: PrM 1