Finale Scudetto: Gara 1 è dell'Olimpia Milano! Trento si arrende 98 a 85 - Ilmetropolitano.it

Finale Scudetto: Gara 1 è dell’Olimpia Milano! Trento si arrende 98 a 85

È dell’Olimpia Milano il primo atto della finale scudetto del massimo campionato italiano di pallacanestro. Al Forum di Assago battuta col punteggio di 98 a 85 la Dolomiti Energia Trento. Gara straordinaria, dominata dal primo all’ultimo possesso dagli uomini di Coach Pianigiani. Top scorer del match per i padroni di casa  l’encomiabile Andrew Goudelock, autore di 26 punti con l’oltre 50% da due e il 60% da oltre l’arco. A Trento non basta il record stagionale di Schields , 31 punti, per espugnare il parquet dell’Olimpia e portarsi in vantaggio nella serie.

Quintetti iniziali

OLIMPIA MILANO:Cinciarini, Goudelock, Micov, Kuzmiskas, Tarczewski

DOLOMITI ENERGIA TRENTO: Forray, Schields, Silinis, Sutton, Hogue

Primo Quarto: primo possesso in favore della scarpette rosse targate Armani con Goudelock che realizza subito i primi due punti del match. I ritmi di entrambi i quintetti sono elevati sin da subito. L’Olimpia inizia a realizzare con continuità  grazie alle schiacciate di Tarczewski ed agli assist di Micov, mentre Trento risponde con i canestri di Schields e Hogue. Si arriva così a metà quarto con Milano avanti di otto lunghezze: 13-5. Il quintetto ospite, con l’ingresso di Beto Gomes, prova ad accorciare il gap di svantaggio ma l’Olimpia è una macchina in continua elaborazione in entrambi i fronti del parquet. Al 7′ è 15-7 per i padroni di casa. Coach Buscaglia costretto alla prima sospensione tecnica. Al rientro in campo è grande reazione per la Dolomiti: 0-5 di parziale, frutto dei tiri liberi messi a segno da Gutierrez e del canestro di Gomes. Alla prima sirena il tabellone del Mediolanum Forum recita: Milano avanti 15 a 12 su Trento.

Secondo Quarto: la reazione nel finale del primo quarto spinge emotivamente la Dolomiti, ma come già successo nel primo periodo, è Milano a raccogliere per prima i frutti. Le triple di Jerrells e Bertans trascinano Milano sul massimo vantaggio: +9 e tutto da rifare per Trento (26-17). A riportare a soli due possessi di svantaggio la Dolomiti sono i canestri di Forray prima e Gomes poi: 28-22. A metà periodo ecco il break decisivo dell’Olimpia. Transizioni e canestri di pregevole fattura realizzati dal collettivo, Micov e Kuzmiskas su tutti, permettono a Milano di dilagare sul +13 (39-26). Il black out di Trento, a secco da oltre due minuti, si ripristina con le realizzazioni di Gomes e Forray. Tre punti a testa e match riaperto: 39-32 e time out per Milano. Il quintetto di coach Pianigiani reagisce da grande squadra,  riportandosi nuovamente in doppia cifra di vantaggio grazie ai punti messi a segno da Goudelock e Pascolo. All’intervallo lungo il risultato premia ancora Milano, 47-34 nei confronti di Trento.

Terzo Quarto: è Schields, ala di Trento, a mandare a segno i primi due punti della seconda metà della partita (47-36), prima che Milano torni a martellare da oltre l’arco con il canestro di Micov. Le speranze della Dolomiti per riaprire definitivamente le sorti di questo match sono affidate alle ripartenze veloci e ad una difesa aggressiva. Schields, supportato da Sutton, torna a segnare, ma i punti di svantaggio restano comunque dodici (54-42). A 5′ dalla fine del terzo periodo Trento riesce a tornare a – 9 (57-48), ma a ristabilire le gerarchie del match è il duo Goudelock-Cinciarini. Nuovo +14 (64-50) e nuovo time out per Coach Buscaglia. Nel finale Milano continua a piombare sulla non energica Trento e il divario continua a dilatarsi possesso dopo possesso sino al +18 della terza sirena(70-52).

Quarto Periodo: negli ultimi e decisivi dieci minuti del match, l’Olimpia Milano non deve far altro che controllare il proprio vantaggio e difatti l’approccio è di quelli convincenti. Il gap tra le due compagini, nonostante una timida reazione di Trento, resta di quindici lunghezze sino a 5’25” dalla fine con l’Olimpia avanti 79-64. Trento è dura a morire, ma la sola grinta non basta per fermare il ciclone biancorosso. Goudelock e Jerrells, in poco meno di un minuto, provano a chiudere definitivamente la pratica ma i cinque punti consecutivi di Schileds riaccendono la fiammella di speranza per Trento: 82-73. Una fiammella che si spegnerà lentamente sotto i colpi fatali di Tarczewski e Goudelock. Al Forum di Assago termina 98 a 85.

OLIMPIA MILANO- DOLOMITI ENERGIA TRENTO 98-85  (15-12; 47-34; 70-52)

OLIMPIA MILANO: Goudelock 26, Micov 16, Vecerina, Pascolo 2, Tarczewski 14, Kuzmiskas 5, Cinciarini 4, Cusin, Abass, Bertans 9, Jerrells 10, Gudautis 10. ALL. Pianigiani

Tiri da due: 22/35; Tiri da tre: 14/27; Tiri liberi:10/14; Rimbalzi: 32 (23 dif, 9 off ); Assist:19

DOLOMITI ENERGIA TRENTO: Franke 11, Sutton 8, Silins, Forray 11, Conti, Flaccatori, Gutierrez 6, Czumbel, Gomez 10, Hogue 8, Lechthaler, Schields 31. ALL. Buscaglia

Tiri da due: 26/48; Tiri da tre: 7/17; Tiri liberi:12/18; Rimbalzi: 29 (18 dif, 11 off); Assist:17

A. P.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano