Lido Comunale di Reggio Calabria: "Dalle pugnalate al cuore ai calcinacci in testa" - Ilmetropolitano.it

Lido Comunale di Reggio Calabria: “Dalle pugnalate al cuore ai calcinacci in testa”

E purtroppo è così, le situazioni di rischio sono innumerevoli ma questa volta la nostra attenzione va maggiormente ai cornicioni pericolanti, intonaci sgretolati e ballatoi tutt’ altro che stabili, …si, si l’argomento tratta per l’ennesima volta il nostro tanto caro  Lido  Comunale dove,  sotto il porticato,  lo si  evince dalle  foto, dove sostano persone, e soprattutto bambini! Un rischio non da poco, dato che, in caso di danni a terzi, l’unico responsabile legale è il proprietario (il Comune) . Nello specifico il codice Penale all’Art.677, relativo alle omissioni di lavori in edifici o costruzioni pericolanti, prevede che il proprietario “il Comune”, di un edificio o di una costruzione che minaccia rovina, *ha l’obbligo* della conservazione, della vigilanza dell’edificio e della costruzione, il quale omette di provvedere ai lavori necessari per rimuovere il pericolo, è punito con ammenda. E alla stessa pena soggiace chi, avendone l’obbligo (sempre il Comune) di omette o di rimuovere il pericolo cagionato dall’avvenuta rovina di un edificio o di una costruzione. Quindi non perdete tempo!!!! Anche, voi cittadini che hanno fatto la storia che hanno il ricordo di come la sua funzionalità ed il suo esistere erano agli occhi nostri e dei turisti un brillante centro balneare, ad inviare lettere raccomandate o denunce sui social rivolte all’amministratore comunale in cui tentate di far rivivere un organo vitale che ha reso fiera la nostra città. Non  facendolo rischiate solamente di essere consapevoli e  responsabili della morte di una struttura che ha fatto la storia. Bisogna denunciare il fatto alle autorità giudiziarie nella speranza di accelerare il processo di messa in sicurezza delle parti pericolanti. Non basta coprire lo scempio e la pericolosità con dei teloni di sicurezza di cantiere, anche perché, come si può notare dalle foto, dopo due giorni, sono già divelte e svolazzanti. Basta!! Rivoglio la mia Reggio
Ersilia Cedro – MNS Reggio Calabria

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano