Milano: spacciava droga, la Polizia arresta pusher marocchino

Gli agenti del Commissariato di PS Lorenteggio della Questura di Milano hanno arrestato giovedì N. K., cittadino marocchino di 27 anni per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in via Mar Jonio a Milano. Nella mattinata di giovedì, i poliziotti, nel corso dei servizi di controllo del territorio, disposti dal Questore di Milano Marcello Cardona, volti al contrasto del traffico di stupefacenti, hanno individuato l’uomo, personaggio ben noto per lo spaccio di prevalentemente di hashish, cosa per la quale è infatti soprannominato nel giro col nomignolo di “Cioccolato”. A seguito di un’attività d’indagine fatta da appostamenti ed osservazioni,  i poliziotti della Squadra Investigativa del Commissariato di PS Lorenteggio della Questura di Milano hanno atteso il momento opportuno e, alla prima occasione utile, hanno bloccato l’uomo con l’intento di evitare che potesse disfarsi della droga. Gli investigatori hanno effettuato la perquisizione domiciliare mentre l’uomo non ha mostrato alcun cenno di preoccupazione, ponendo a bada anche il suo grosso dogo argentino che, secondo le informazioni acquisite, userebbe invece proprio per spaventare i curiosi e chiunque altro si intrometta minimamente nelle sue attività criminali, che consistono peraltro anche nello spadroneggiare in zona, garantendosi un’aurea di immunità e sicurezza da ogni problema esterno. Sono stati rinvenuti, in camera da letto, un panetto di sostanza solida marrone per quasi 100 grammi di hashish e 1.400 euro in contanti, insieme a un foglio manoscritto in arabo con cifre e nomi, probabilmente una lista di “partita doppia” del commercio illecito. Da un mazzo di chiavi presente nell’abitazione, non tutte direttamente riconducibili al solo appartamento, gli agenti del Commissariato si sono quindi recati in alcune pertinenze dello stabile, fino a giungere ad un agglomerato di cantine fatiscenti ed al seminterrato, in una delle cantine, collegabile all’appartamento dell’arrestato, hanno trovato un’altra decina di panetti oltre ad una quarantina di ovuli, tutti insieme corrispondenti a circa un chilo e quattrocento grammi di hashish, oltre a materiale accessorio per il confezionamento della droga.

 

fonte  — http://questure.poliziadistato.it/Milano/articolo/11925bcb59e3d0a37061600586

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano