A22. Biancofiore (FI): Toninelli non sa che è già all’81% pubblica

Non sa o finge di non sapere, siamo di fronte all’ennesima gaffe

(DIRE) Roma, 3 Feb. – “Sono esterrefatta dalle affermazioni del ministro degli Infrastrutture e trasporti Toninelli in merito all’autostrada del Brennero. O il ministro non sa o finge di non sapere o siamo innanzi all’ennesima gaffe, quando annuncia che la gestione dell’A22 tornerà pubblica. La società autostrada del Brennero è già pubblica, partecipata all’oltre 81% da enti pubblici e la differenza con quella che lui chiama ‘rivoluzione’ pare consti nel concedere semplicemente la concessione ad una nuova società A22 al 100% pubblica ma gestita dagli stessi enti pubblici di oggi, che lui dice non sono stati efficienti e ai quali ha inviato un’ispezione”. Lo dice in una nota Michaela Biancofiore, parlamentare FI e coordinatrice azzurra del Trentino Alto Adige. “Una partita di giro insomma che evidentemente il ministro ignora e che nulla ha a che fare con la governance dell’A22 che è di eccellenza ma che ha sempre dovuto subire le ingerenze e le limitazioni della politica, essendo la concessione un vero e proprio tesoretto- dice Biancofiore – La posizione di Forza Italia, che da sempre si pone dalla parte dell’economia di mercato e della concorrenza e’ sempre stata chiara e netta, avremmo preferito la gara che probabilmente sarebbe stata vinta da A22 stessa in quanto concessionario uscente ma oggi chiediamo perlomeno che si metta la parola fine all’ordinaria amministrazione e si affidi senza avere a cuore solo i profitti e il possesso degli accantonamenti, una concessione fondamentale che non può vivere di ordinaria amministrazione ma ha bisogno di investimenti, regole e decisioni, subito”. (Com/Ran/Dire) 17:44 03-02-19

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano