Reggio Calabria. Grande successo per la mostra di Ida Caterini nello showroom di Laruffa Luppino

Grande successo per la mostra di gioielli di Ida Caterini, che si è svolta questa sera presso la showroom Laruffa-Luppino di Reggio Calabria. Ida, orafa per tradizione, figlia d’arte, ha esposto nella suggestiva location molti pezzi della sua collezione, gioielli in argento, realizzati artigianalmente, com’è proprio della tradizione della famiglia Caterini. Molto affascinato il pubblico dalle realizzazioni fatte ad hoc per i clienti, e cioè quelle incise con iniziali, piuttosto che con frasi personalizzate. Ad arricchire d’arte il tutto, con un tocco cromatico davvero fantastico,  l’esposizione delle tele del noto tattoo artist reggino, Roberto Rogolino, pitture che vanno dal graffitismo alla street art, e che hanno parecchio stupito. Soprattutto l’ultima sua collezione, quella delle maschere, bella, ma anche interessante per il suo significato e per quello che l’artista ha voluto rappresentare, e cioè il fatto che tutti noi, al di là di quello che siamo, portiamo delle maschere. Gioielli, tele, location e inoltre gli addobbi floreali, curati da Green Style di via Giuseppe Battaglia n° 21 a Reggio Calabria, hanno creato insieme, un qualcosa di davvero unico e artistico, valorizzando due validi talenti del nostro territorio, è questa infatti la mission dell’associazione IlMetropolitano che ha patrocinato l’evento. Grande affluenza di pubblico quindi, allo showroom Laruffa Luppino tra appassionati, curiosi e gente dell’ambiente. Tra quest’ultimi, anche la Presidente della Camera Nazionale Giovani Fashion Designer (CNGFD) Alessandra Giulivo insieme a cui prossimamente sarà organizzato un evento all’interno dell’International Fashion Week (IFW), la Presidentessa della Fidapa Reggio Calabria Titty Strano, la modella ed influencer Irma Imedadze e la stilista Noemi Azzurra Neto dell’Acqua. Una serata all’insegna dell’arte, del fashion e del sano divertimento.

 

 

 

S.P.

 

Ph. Vanaphotos

Recommended For You

About the Author: Sonia Polimeni