Genova. Polizia arresta scippatore seriale. Colpiva sugli autobus: 3 cellulari in 5 giorni

Operazione della Squadra Mobile

La Polizia di Stato di Genova, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, ha tratto in arresto un cittadino italiano di 24 anni, senza fissa dimora, pregiudicato, in esecuzione di Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Genova per il delitto di furto con strappo aggravato. In particolare, a seguito delle indagini svolte dalla Squadra Mobile ligure, sono stati raccolti a carico del predetto gravi elementi di responsabilità in relazione a tre furti con strappo commessi a bordo di mezzi pubblici, rispettivamente nelle date dell’11, del 14 e del 15 gennaio scorsi. Lo scippatore entrava in azione secondo un modus operandi ben definito: confondendosi tra i passeggeri dell’autobus, nelle tratte del centro cittadino, individuava una vittima impegnata ad utilizzare il suo smartphone o tablet. In prossimità di una fermata adiacente ai “vicoli”, si predisponeva allo scippo, che poneva in essere proprio al momento dell’apertura delle porte, così da poter fuggire all’esterno del mezzo, facendo perdere le proprie tracce nei “caruggi”. La sequenza si è ripetuta per almeno tre volte in appena 5 giorni, rispettivamente presso le fermate di Piazza Fontane Marose, Piazza Portello e via XX Settembre. All’esito di una serrata indagine, condotta con l’ausilio delle telecamere cittadine e con il prezioso contributo delle persone offese, gli operatori della Sezione Crimine Diffuso della Squadra Mobile hanno individuato il responsabile, “tradito” dal particolare abbigliamento indossato. Rintracciato nel primo pomeriggio di ieri, l’uomo è stato associato alla locale casa circondariale, a disposizione dell’A.G. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate a verificare la responsabilità dell’arrestato in ordine ad ulteriori fatti analoghi commessi in questo Capoluogo.

fonte –  http://questure.poliziadistato.it/Genova/articolo/8445cb18b93ad43b092329292

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano