Casino online in Europa e il momento d’oro del gioco d’azzardo online

Il settore del gioco d’azzardo in Europa, è uno di quelli che confermano mese dopo mese il proprio andamento positivo. I dati che provengono dalle varie nazioni in cui il gioco d’azzardo è regolamentato sono positivi e testimoniano la crescita continua. Questa da un lato determina introiti per gli enti statali, dall’altro genera reazioni, che portano alla formulazione di leggi e restrizioni.
I migliori casinò online europei beneficiano dell’amore per il gioco diffuso in tutto il continente. Ad esempio i dati provenienti dalla Francia mostrano come il gioco d’azzardo online, continui ad avere tendenze positive. Gli ultimi dati disponibili sono relativi al terzo trimestre del 2018. Questi mostrano un exploit del settore delle scommesse sportive online, che ha visto un aumento dell’81% delle giocate, complici i Mondiali di calcio in Russia.

Incrementi, più contenuti, si sono avuti anche negli altri giochi, praticati sui migliori casinò online europei. Ad esempio, si è avuto un aumento del 4% nelle giocate dedicate al poker. Dalla Svezia alla Svizzera: i migliori casinò online europei senza licenza

Il gioco d’azzardo cresce anche in Svezia, meno che in Francia, ma qui la situazione è particolare in quanto il settore del gioco online non è completamente regolamentato. La crescita registrata dal paese nord europeo, che dà i natali ai migliori casino online europei, è dell’1,2%. Questa però è da attribuire principalmente agli operatori senza licenza che rappresentano il 27% del mercato svedese. In particolare il gioco a distanza nei migliori casinò online europei  presenti in Svezia ha fatto un balzo in avanti, con un aumento del 22,5%. I dati svedesi, mostrano la necessità di andare avanti con la regolamentazione degli operatori che offrono gioco d’azzardo nel Paese.

Il problema degli operatori senza licenza riguarda anche la Svizzera. Dall’inizio di gennaio del 2019, infatti è vietata l’attività ai migliori casinò online europei privi della licenza per operare in Svizzera. La nuova regolamentazione di gioco elvetica, è partita da un referendum che si è tenuto lo scorso giugno. E così dal prossimo anno verranno valutate le domande per ottenere la licenza da parte dei migliori casinò online europei. Si tratta di concessioni molto ambite, dato che i cittadini svizzeri attualmente spendono nel gioco d’azzardo su casinò esteri, circa 220 milioni di euro l’anno.

In Spagna si combatte la ludopatia

Anche in Spagna il tema del gioco d’azzardo è all’ordine del giorno. Da un lato si cerca di favorire l’afflusso degli operatori di gioco online, con tassazioni privilegiate in determinate aree. Dall’altro però, vengono valutate continuamente nuove misure contro la ludopatia. Di recente è stato lanciato un bando di concorso per realizzare un software che possa effettuare il controllo dell’identità anche attraverso l’immagine facciale. Un modo nuovo per accertare la corrispondenza tra il giocatore effettivo e il documento di identità inviato al momento dell’iscrizione.

Molto attivo sul fronte del controllo del gioco e dei giocatori è il Principato delle Asturie a nord della Spagna. Il principato ha adottato un programma di prevenzione biennale, che prevede diverse misure contro la dipendenza dal gioco e di contrasto al gioco dei minorenni. Le sale bingo e le sale slot, saranno equiparate ai casinò, e come nei casinò dovranno esservi controlli dell’identità all’accesso. Il Principato delle Asturie, è sensibile al tema delle dipendenze. Vi vivono poco più di 1 milione di abitanti, e oltre 700 hanno chiesto l’auto esclusione dai migliori casinò online europei legali in Spagna.
La tendenza generale che si può riscontrare in Europa è quella di regolamentare il settore il più possibile. I migliori casinò online europei, opportunamente regolamentati dai sistemi di licenze dei vari stati, apportano ricchezza. Ma le entrate attribuite al settore in crescita devono fare i conti con le problematiche sociali legate al gioco.

FONTE: https://www.agimeg.it/

Recommended For You

About the Author: PrM 1