Reggio Calabria, MNS: il tracollo dell’Hospice

L’incontro di martedì a Catanzaro, presso il Dipartimento Tutela della Salute, alla presenza del Commissario ad Acta gen. Cotticelli, il dott. Trapani Lombardo presidente della Fondazione “Via delle Stelle” ed i rappresentanti dell’ASP 5 di Reggio Calabria, dicono abbia sortito conclusioni “buone e brutte” allo stesso tempo. Infatti dicono di avere raggiunto l’accordo per far sopravvivere l’Hospice per tutto il 2019. Dal 2020, e qui la notizia brutta, la struttura finirà di erogare i servizi di qualità, per i quali era stata riconosciuta una delle migliori in Italia tanto da essere considerata d’eccellenza ed indispensabile per il raggiungimento dei  LEA. Questo nessuno lo dice, al contrario qualcuno esulta per la notizia che da Gennaio l’ASP di Reggio, dopo nuovo Bando, affiderà la gestione dell’Hospice ad una nuova società, dimenticando però di dire che questo passaggio prevederà l’azzeramento del personale e quindi l’abbattimento della qualità. Ancora non e’ chiaro a molti che le cure Palliative necessitano di operatori specializzati con una esperienza ed un curriculum che nella nostra città sono presenti solo ed esclusivamente tra i dipendenti della Fondazione. Noi Sovranisti chiediamo in modo chiaro, coerente e determinato, che le autorità cittadine s’impegnino, a trovare il modo per far continuare la gestione della Fondazione e nell’eventualità la via della presentazione del nuovo Bando di gara prendesse corpo, di garantire il passaggio completo del personale dalla Fondazione al nuovo gestore, per tutelare i posti di lavoro dei professionisti ma anche per conservare il livello di qualità del servizio. Si e’ detto che il personale e’ in esubero, si e’ detto anche che le cure palliative dovranno essere garantite a tutta l’area della città Metropolitana e non solo a Reggio e dintorni. Noi proponiamo a tal fine di trattenere tutto il personale ed aprire a nuove assunzioni, così da poter permettere l’allargamento dell’area dove si presta il servizio ma anche la possibilità al personale anziano di formare e guidare i giovani. Questa, a nostro avviso, sarebbe una vera vittoria per la città, che finalmente potrebbe dire di essere riuscita a tutelare qualcosa di buono senza compromessi, giochi al ribasso o intrallazzi vari nel solo ed unico interesse, che rimane sempre quello di garantire il benessere della Comunità.

Il Delegato Nazionale Saverio Laganà

La Dirigente Provinciale Vittoria Borzumati

Recommended For You

About the Author: PrM 1