Etiopia-Israele. Abiy e Netanyahu firmano dichiarazione su scambi

Cyber-sicurezza e scienze spaziali tra punti del documento finale

(DIRE) 2 Set. – Cyber-sicurezza, scienza e agricoltura sono alcuni dei temi al centro della visita in Israele del primo ministro etiope Abiy Ahmed, che si e’ conclusa oggi.
Il premier ha firmato una dichiarazione in cinque punti insieme all’omologo israeliano Benjamin Netanyahu, in cui si fa rifarimento alla “cooperazione economica bilaterale” in materia di “agricoltura, acqua, irrigazione, scienza e tecnologia”. “Le parti”, hanno fatto sapere inoltre i due capi di governo, “esamineranno la possibilita’ di concludere accordi aggiuntivi in altri ambiti, compresa cyber-sicurezza, telecomunicazioni e scienza e tecnologia spaziali”. Nella dichiarazione finale congiunta, Netanyahu ha sottolineato la volonta’ di aumentare le relazioni commerciali con l’Etiopia, che attualmente valgono circa 300 milioni di dollari all’anno. Abiy Ahmed ha sottolineato il legame storico con Israele: ad oggi si calcola che ci siano circa 140mila cittadini israeliani di origine etiopica, oltre 50mila dei quali nati in Israele. Abiy ha anche ricordato Solomon Teka, diciannovenne di origine etiope ucciso da un poliziotto fuori servizio a giugno, ad Haifa, in Israele. L’incidente ha suscitato proteste di massa, anche violente, contro il razzismo, presunto movente dell’uccisione.
In Israele, Abiy Ahmed ha incontrato anche il presidente del parlamento Reuven Rivlin e la madre di Avera Mengitsu, un cittadino israeliano nato da genitori etiopico e scomparso nella Striscia di Gaza. Secondo fonti di stampa, Mengitsu potrebbe essere prigioniero di Hamas. Il premier etiope e’ tornato ad Addis Abeba stamane, dopo un viaggio ufficiale che ha toccato anche la Corea del Sud e il Giappone.
(Gif/ Dire) 14:19 02-09-19

Recommended For You

About the Author: PrM 1