Reumatologia, concluso il convegno “Update in Rheumatology 2019”: medici e ricercatori hanno illustrato le best practice relative ai disturbi generati dalle malattie reumatiche

Sabato 28 settembre si è svolto a Reggio Calabria, l’incontro annuale “Update in Rheumarology 2019”, presieduto dal dott. Maurizio Caminiti e dalla Dr.ssa Giusy Pagano Mariano, dirigenti medici dell’Unità Operativa Semplice Dipartimentale (UOSD) di Reumatologia del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi-Melacrino-Morelli”, ufficialmente riconosciuto “Centro Early Arthritis Clinic” (Diagnosi precoce delle artriti infiammatorie).

Una giornata densa di contenuti, nel corso della quale sono stati illustrati risultati scientifici di livello internazionale e best practice nei nuovi scenari in reumatologia, con particolare riferimento all’osteoporosi, alle connettiviti e alle artriti infiammatorie.

La partecipazione ha superato ogni aspettativa, non solo per la presenza in sala di specialisti del settore, tra medici, ricercatori, personale ospedaliero e associazioni, ma anche per l’adesione di un pubblico interessato a saperne di più in merito a una malattia che non si manifesta mai alla stessa maniera assumendo mille “forme”.

Non a caso lo staff dell’UOSD ha scelto di dare il giusto “spazio” al ruolo del paziente, incentrando nel cuore del convegno, una tavola rotonda ad essi dedicata, “Un percorso a fianco del paziente”, i cui temi più vicini a chi soffre e chiede assistenza, hanno delineato i punti di forza e di debolezza del sistema accoglienza, grazie anche al contributo delle due associazioni nazionali che operano in sinergia con l’UOSD del Morelli, l’Associazione Nazionale Persone Malattie Reumatiche Rare (APMAR) e l’Associazione Nazionale Italiana Sindrome Fibromialgica (AISF).

La giornata di studi, articolata in cinque sessioni, tra interventi scientifici e tecnico operativi, ha tracciato i temi salienti dalla diagnosi alla cura. Tra gli interventi più sentiti e significativi va citata la sessione dedicata alla “Fragilità del paziente con artriti infiammatorie e connettiviti”, nel corso della quale si è sottolineata l’importanza di operate in rete con gli altri settori della medicina specialistica, a causa del coinvolgimento di quasi tutti gli organi e apparati, nel manifestarsi di una malattia puramente reumatica.

Il dibattito ha beneficiato di importanti contributi forniti da specialisti cardiologi, dermatologi, biologi, gastroenterologi e oculisti.

I relatori che hanno offerto, all’evento, il loro contributo scientifico sono M. Caminiti, G. Pagano Mariano, A. M. Rosato, M. Cuzzola, V. De Marzo, V. Amodeo, A. Zoccali, A. Lauria, C. Trifirò, C. M. Rao, F. Calabrese, P. Versace e R. Caminiti.

L’evento è stato patrocinato dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Reggio Calabria, dalla Scuola Italiana di Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello scheletro, dalla Società Italiana di Reumatologia, del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi-Melcrino-Morelli”, dall’Associazione Italiana Donne Medico, dell’Associazione Italiana lotta alla Sclerotermia Onlus, dall’Associazione Nazionale Persone Malattie Reumatiche Rare (APMAR), dall’Associazione Nazionale Italiana Sindrome Fibromialgica (AISF), dal Consiglio Regionale della Calabria e dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Antonella Postorino

Ph. Silvana Marrapodi

Recommended For You

About the Author: PrM 1