Rimini, ruba nella notte da autovetture tutto quello che trova: arrestato 34enne tunisino

O. W., tunisino trentaquattrenne, è stato arrestato nella notte tra Domenica e Lunedì, dagli agenti della polizia di Stato dopo una caccia all’uomo sulle strade. Tutto è iniziato verso le 2.20 quando, alla centrale operativa della Questura di Rimini, è arrivata la segnalazione di un residente di via Tenca che, affacciandosi alla finestra, ha notato un individuo con alcune borse che, dopo aver prelevato della merce dall’autovettura parcheggiata in un’abitazione, scavalcava la recinzione dell’abitazione stessa e fuggiva in direzione mare. Sul posto si sono precipitate tre Volanti e gli agenti, dopo aver raccolto una descrizione del malvivente, sono partiti alla sua ricerca. Una pattuglia, poco lontano, ha individuato il fuggitivo grazie al racconto del testimone e lo ha bloccato. Una volta identificato si è potuto appurare che era un tunisino 34enne già noto alle forze dell’ordine e clandestino in Italia. Il giovane è stato trovato in possesso di diversa refurtiva: una borsa contenente un trapano, degli indumenti da lavoro, occhiali e denaro. Tra gli oggetti di dubbia provenienza che sono stati scoperti, delle scarpe nuove e dell’abbigliamento con ancora la ricevuta che rimandava al proprietario della macchina da cui le cose erano state prelevate. Il fatto che lo straniero e la refurtiva fossero stati riconosciuti rispettivamente dal testimone e  dalla vittima del furto ha valso al 34enne le manette. Portato in Questura per le pratiche di rito, il tunisino è stato processato per direttissima lunedì mattina dove è stato condannato ad 1 anno e 10 mesi di reclusione con pena sospesa. Nel pomeriggio di Lunedì, poiché inottemperante ad un espulsione del Questore di Rimini del febbraio 2019, è stato accompagnato dai poliziotti della Questura di Rimini presso il CPR (Centro di Permanenza per il Rimpatrio) di Caltanissetta.

 

fonte  — https://questure.poliziadistato.it/Rimini/articolo/13105dc2640e64eb7915380376

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano