Passeggero ubriaco tenta di aprire portellone prima del decollo in Thailandia, arrestato

Momenti di tensione a bordo dell’Airbus A320 con 86 passeggeri a Chiang Mai, nel nord della Thailandia, giovedì 7 novembre, quando un uomo ubriaco ha tentato di aprire un portellone pochi istanti prima del decollo. Appena in tempo, è stato fermato dai componenti dell’equipaggio della compagnia aerea Thai Smile e sul mezzo di trasporto è scattata l’allerta di livello due, cosa che implica che c’è stata violenza. L’insano gesto ha provocato lo spiegamento dello scivolo gonfiabile e più di 600.000 baht di danni. Stando a un portavoce della compagnia aerea consociata a basso costo Thai Smway della compagnia di bandiera Thai Smile che si è scusato per l’incidente, confermando l’accaduto ha dichiarato che “un passeggero ribelle e squilibrato ha cercato di aprire un portellone dell’aereo” e non la cabina di pilotaggio come si era creduto in  un primo momento provocando lo spiegamento dello scivolo gonfiabile. Il volo numero WE169 che doveva partire alle 15:40 alla fine è decollato verso le 17:00 per la destinazione nazionale Bangkok. L’uomo, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stato arrestato. La polizia ha diffuso un comunicato in cui si esclude “qualsiasi collegamento con atti di terrorismo”.

CS Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”

Recommended For You

About the Author: PrM 1