Falcomatà all’evento conclusivo della Carovana dello Sport Integrato: “Iniziativa da valorizzare perchè rappresenta la Reggio più bella”

Si è svolto questa mattina nella sala Monteleone del Consiglio Regionale della Calabria l’incontro finale della “Carovana dello sport integrato”.

“Personalmente e come Sindaco della città di Reggio Calabria – ha affermato Giuseppe Falcomatà – sono orgoglioso di far parte della grande famiglia della Carovana dello sport. Lo sono in particolare per come sono affrontate le tematiche della disabilità e dell’integrazione: con un nuovo linguaggio, quello universale dello sport, che dovrebbe, anche se non sempre accade, unire tutti coloro che lo praticano e che ne fanno parte”.

“Sono molto contento di ratificare l’impegno dell’Amministrazione attraverso un documento che già porta dei risultati. La Carovana, che si è presentata lo scorso anno come una novità nel panorama cittadino, oggi si conferma come una bella realtà. Questo va sottolineato perché non è facile, né scontato, né dovuto. In questo contesto è possibile rintracciare i valori della gratuità, della consapevolezza, della solidarietà, che ci consentono di vivere questa città non come semplici utenti ma come protagonisti del territorio, provando a cambiarlo, non senza difficoltà”.

“Tutto ciò è comune a diverse associazioni che però, talvolta, nascono sull’impeto del momento e nel momento in cui questo impeto diminuisce, fisiologicamente, quando i riflettori si abbassano, l’attività dell’associazione si affievolisce, e questo è un male per tutta la cittadinanza. Riconfermarsi oggi, passando da novità a realtà significa, dunque, che tutto ciò che è avvenuto non era frutto di un momento.

“Il nostro compito da istituzioni è quello di dare valore a queste realtà, che rappresentano la Reggio più bella, tirarle fuori e dare l’evidenza che meritano, perché rappresentano un orgoglio per la nostra città. Esperienze come la Carovana devono essere valorizzate perché è quanto di bello questa città riesce a produrre”.

Recommended For You

About the Author: PrM 1