Bari. Centrale casalinga dello spaccio, 17enne arrestato dalla Polizia

Altre due persone sono state indagate in stato di libertà; sequestrati 150 grammi di marijuana e 80 grammi di hashish

La Polizia di Stato, nel corso di un’attività di controllo finalizzata alla prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti, ha arrestato un 17enne ed indagato in stato di libertà altre due persone per il reato di spaccio in concorso di sostanze stupefacenti.  A seguito di una segnalazione giunta in sala operativa mediante l’applicazione “YOUPOL”, i poliziotti della Squadra Volante, unitamente ad Unità Cinofile, si sono recati al quartiere San Paolo presso l’abitazione del giovane.

Alcuni poliziotti si sono recati al 4° piano della palazzina e, nonostante una resistenza opposta dagli occupanti dell’appartamento, sono riusciti ad entrare; contestualmente, altri agenti si sono appostati nel cortile dell’abitazione ed hanno notato una persona che ha lanciato dalla finestra dell’appartamento in questione due involucri, prontamente recuperati. Il primo era un marsupio di colore nero contenente 150 grammi circa di marijuana, 80 grammi circa di hashish ed un bilancino di precisione; 21 dosi di marijuana e 40 di hashish erano già confezionate e pronte per essere smerciate.Il secondo pacco era costituito da un involucro contenente 267 bustine di cellophane vuote, uguali a quelle utilizzate per confezionare la sostanza stupefacente.

Il 17enne è stato arrestato e condotto presso l’Istituto penale per Minorenni  “Fornelli” di Bari mentre le altre due persone trovate nell’appartamento, uno zio ed un amico, sono state denunciate in stato di libertà. Sequestrati anche 5 telefoni cellulari,  un binocolo e del nastro isolante di colore nero uguale a quello utilizzato per il confezionamento della sostanza stupefacente. Il cane antidroga AMIRA, durante la perquisizione, ha annusato con insistenza tutti gli ambienti dell’abitazione segnalando con più intensità gli armadi delle stanze da letto; tale comportamento in gergo si chiama “traccia calda” e lascia  presupporre che poco prima in quei luoghi era occultata sostanza stupefacente.

fonte  – https://questure.poliziadistato.it/Bari/articolo/15715e147f69c918f298474694

Recommended For You

About the Author: PrM 1