Estradato latitante ricercato dopo l'operazione Galassia a Reggio Calabria - Ilmetropolitano.it

Estradato latitante ricercato dopo l’operazione Galassia a Reggio Calabria

Nella tarda serata di ieri 17 Gennaio presso l’aeroporto internazionale di Fiumicino è stata conclusa la procedura di estradizione dell’indagato R.A., colpito da provvedimento cautelare personale di Fermo di indiziato di delitto, emesso nel Novembre 2018 dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri e dalla successiva Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale reggino in data 05 Dicembre 2018. I provvedimenti non erano stati all’epoca eseguiti, poiché il R. era latitante all’estero: lo stesso è stato arrestato in data 20.12.2019 in Malta in esecuzione del Mandato di Arresto Europeo e Internazionale, in riferimento all’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa nell’ambito del procedimento 5585/15.

L’estradizione in parola, condotta con l’ausilio del Gruppo della Guardia di Finanza e della Polizia di Frontiera Aerea di Fiumicino, costituisce l’epilogo di serrate indagini condotte dal Nucleo P.E.F. di Reggio Calabria e dallo Scico di Roma della Guardia di Finanza, con il determinante supporto del II Reparto del Comando Generale del Corpo e del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

In ragione delle investigazioni svolte e sulla scorta dei gravi elementi indiziari raccolti, la Procura della Repubblica di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia, con proprio provvedimento aveva disposto una misura cautelare nei confronti di 18 soggetti – tra i quali il menzionato A.R. – nonché il sequestro preventivo di 23 società estere, 15 imprese operanti sul territorio nazionale, 33 siti nazionali e internazionali, numerosi immobili, automezzi, conti correnti italiani ed esteri e innumerevoli quote societarie per un valore complessivo stimato in oltre 723 milioni di euro. L’indagine a suo tempo condotta aveva rilevato l’esistenza di una pluralità di associazioni per delinquere operanti sul territorio nazionale nel settore della raccolta del gioco e delle scommesse con i marchi “PLANETWIN365”, “BETALAND” ed “ENJOYBET” le quali, in rapporto sinallagmatico con la ‘ndrangheta, da un lato avevano consentito a quest’ultima di infiltrarsi nella propria rete commerciale e di riciclare gli imponenti proventi illeciti, dall’altro avevano tratto esse stesse significativo supporto per l’ampliamento della propria rete commerciale e per la distribuzione capillare del proprio marchio sul territorio.

Sempre lo scorso mese di Dicembre, il Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione – su richiesta della citata DDA, riconoscendo la pericolosità sociale del proposto, ha disposto l’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale del sequestro dell’ingente patrimonio riconducibile a R.A., cl. ’76 e al suo nucleo familiare, costituito dall’intero compendio delle società maltesi “OIA SERVICES LIMITED”, “HARVEY GAMING LIMITED” (già “GVC NEW LTD”) e “WLS LIMITED”, operanti nel settore del “gambling” con profili di assoluta prominenza nell’intero panorama nazionale, da numerosi conti correnti italiani ed esteri e di n. 2 Trust radicati a Malta, di cui uno contenente un cospicuo portafoglio finanziario, per un valore stimato in circa 400 milioni di euro.

In relazione a quanto sopra evidenziato, veniva instaurata, anche attraverso i Reparti e gli Enti citati in precedenza, una proficua e costante interlocuzione tra l’autorità Giudiziaria Italiana e Maltese che ha permesso di dare corso all’esecuzione dei provvedimenti di sequestro disposti dall’A.G. italiana sui beni mobili e immobili presenti anche nel territorio Maltese riferibili ai soggetti indagati permettendo in data 20.12.2019, di individuare e trarre in arresto – in Malta -, mediante l’esecuzione del mandato di arresto internazionale, lo stesso R.A:. L’estradizione odierna evidenzia ulteriormente la linea portata avanti con determinazione dal Procuratore Bombardieri e dai suoi magistrati volta a perseguire e sottoporre a giudizio tutti gli indagati compresi quelli che cercano di sottrarsi alle proprie responsabilità penali riparando all’estero.

comunicato stampa  – Guardi di Finanza Reggio Calabria

Recommended For You

About the Author: PrM 1