La compagnia telefonica deve risarcire i disservizi sull’utenza

La Cassazione bacchetta l’azienda delle tlc: per l’utente è sufficiente dimostrare l’inesattezza dell’adempimento, mentre la compagnia l’esatta esecuzione della propria obbligazione

Se la linea telefonica è malfunzionante non sempre la vincono le compagnie telefoniche, spesso restie a risarcire i danni subiti agli utenti conseguenti a causa delle loro condotte. Per la Cassazione con l’ordinanza 3996/20 depositata dalla terza sezione civile in data odierna, infatti, è possibile ottenere il ristoro dei pregiudizi subiti se ricorrono determinate condizioni in ossequio ad alcuni basilari principi di diritto civile. Nella fattispecie, la Suprema Corte ha rigettato il ricorso presentato da un colosso delle telecomunicazioni contro un’azienda che l’aveva citata per i danni patiti a causa dell’inadempimento del contratto di utenza stipulato, in quanto le linee telefoniche non funzionanti avevano creato non pochi disservizi e compromesso l’esercizio dell’attività aziendale. La compagnia telefonica era stata condannata dalla Corte d’Appello di Roma in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Velletri, a risarcire l’azienda. I giudici di legittimità nel rigettare le doglianze del ricorso in questione hanno ricordato che «in tema di prova dell’inadempimento di una obbligazione, il creditore che agisca per la risoluzione contrattuale, per il risarcimento del danno o per l’adempimento deve provare la fonte (negoziale o legale) del suo diritto e il relativo termine di scadenza, limitandosi poi ad allegare la circostanza dell’inadempimento della controparte, mentre al debitore convenuto spetta la prova del fatto estintivo dell’altrui pretesa, costituito dall’avvenuto adempimento, ed eguale criterio di riparto dell’onere della prova è applicabile quando è sollevata eccezione di inadempimento ai sensi dell’articolo 1460 Cc». Peraltro, rilevano gli ermellini che quando viene dedotto «l’inesatto adempimento dell’obbligazione, al creditore spetta la mera allegazione dell’inesattezza dell’adempimento, gravando ancora una volta sul debitore la prova dell’esatto adempimento, quale fatto estintivo della propria obbligazione». All’azienda telefonica non resta che risarcire il danno e pagare anche le spese legali. Un’ordinanza che in ossequio ai richiamati fondamentali principi civilistici, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, costituisce un altro importante precedente che riequilibra il rapporto tra utenti e società di telefonia, troppo spesso sbilanciato a favore di quest’ultime. Quindi, non bisogna temere di agire contro questi colossi quando  sono inadempienti e causano danni risarcibili perché è possibile dimostrare in giudizio i loro comportamenti e quantificare i pregiudizi subiti in conseguenza di tali condotte.

CS Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”

Recommended For You

About the Author: PrM 1