Firenze. Rapina, lesioni e violenza sessuale: Polizia cattura il presunto responsabile

Tradito da una foto scattata con il cellulare e inviata tramite facebook messenger

Ieri mattina la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un decreto di fermo di indiziato di delitto disposto dalla Procura della Repubblica di Firenze nei confronti di un ventiquattrenne serbo, gravemente indiziato dei reati di violenza sessuale, lesioni personali aggravate e rapina avvenuti nel quartiere dell’Isolotto alle prime ore del mattino del 10 Febbraio scorso. Secondo quanto emerso fin dall’immediatezza, la vittima era stata avvicinata da un ragazzo la sera precedente in un circolo della zona, fino a quando il giovane l’aveva invitata a spostarsi in un altro locale pubblico. I due si erano così incamminati in strada a piedi e, durante il percorso, l’uomo aveva tentato un esplicito approccio sessuale, al quale la ragazza si era subito opposta. A seguito del rifiuto, il giovane le aveva sferrato con violenza pugni e calci, causandole la frattura della mandibola e contusioni giudicate guaribili in 30 giorni, fino a quando l’abbaiare dei cani, che la vittima aveva al seguito, lo aveva fatto desistere. A questo punto l’aggressore si era dato alla fuga, ma non prima di aver strappato via la borsa alla vittima.

La Squadra Mobile, diretta da Antonino De Santis, si è messa subito a lavoro ricostruendo i fatti ed ascoltando testimoni, verificando i percorsi ed acquisendo riscontri. Gli investigatori della Sezione Antirapina hanno al contempo scoperto una foto che la vittima aveva scattato con il proprio cellulare al suo aggressore, inviandola ad un’amica tramite l’applicazione Facebook Messenger.

Grazie a S.A.R.I., il sistema di riconoscimento automatico di immagini che, attraverso un dedicato processo algoritmico, associa all’immagine di uno sconosciuto le generalità di chi è già presente nelle banche dati della Polizia, è emerso il nominativo del cittadino serbo, successivamente riconosciuto dai testimoni quale autore dei reati. L’indagine informatica e quella tradizionale hanno pertanto consentito agli investigatori di stringere il cerchio sull’indagato, a carico del quale la Procura della Repubblica ha emesso il decreto di fermo.  L’uomo, catturato dalla Squadra Mobile di Firenze la mattina del 19 febbraio, è stato accompagnato al carcere di Sollicciano a disposizione del GIP, che nella giornata odierna ha convalidato il fermo ed applicato nei confronti dell’indagato la misura cautelare della custodia in carcere, accogliendo in tal senso la richiesta della Procura.

 

fonte  –  https://questure.poliziadistato.it/Firenze/articolo/14445e4f8d83ecc77179986501

Recommended For You

About the Author: PrM 1