Campobasso. Pattuglie in servizio in borghese per contrastare l’uso del cellulare alla guida

Dai primi giorni della settimana, personale della locale Sezione Polizia Stradale ha svolto mirata attività di controllo finalizzata, in particolare, alla repressione del fenomeno  dell’utilizzo del telefono cellulare alla guida, che rappresenta, secondo  diversi  studi effettuati in materia, una delle principali cause di incidenti automobilistici, spesso mortali. E’ stato, infatti, accertato che, l’utilizzo del telefono cellulare alla guida  riduce notevolmente i tempi di reazione del conducente  ad eventi inaspettati quali, ad esempio, frenate improvvise ed attraversamento di pedoni. In   due giorni di controlli, proprio per l’utilizzo del cellulare alla guida, sono sati elevati ben 20 verbali con cui sono state contestate contravvenzioni al codice della strada per un ammontare complessivo di 1.200 euro e la decurtazione di 35 punti dalla patente di guida degli automobilisti sanzionati.

Le pattuglie della Polizia Stradale di Campobasso e Termoli sono state, inoltre, impegnate, in un’intensa attività di prevenzione sulle principali strade statali della provincia. Durante i controlli sono stati elevati ben 110verbali per varie infrazioni al codice della strada, quali eccesso di velocità, mancanza di copertura assicurativa, mancata revisione, con la conseguente decurtazione di complessivi 330 punti dalle patenti di guida e il pagamento di complessivi euro 15.000 a carico dei contravventori. Nei prossimi giorni, la mirata attività di controllo verrà ripetuta anche con l’impiego di personale in “borghese” nonché con l’utilizzo di  “Telelaser” nonché dello “Street Control”, che, grazie ad una sofisticata telecamera a raggi infrarossi, è in grado di elaborare ed indicare in tempo reale se il veicolo, sia in transito che in sosta, è provvisto di copertura assicurativa e/o di revisione o sia provento di furto.

 

fonte  — https://questure.poliziadistato.it/Campobasso/articolo/13285e57716b53194518658345

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano