Thailandia, migliaia di meduse rosa riconquistano una spiaggia deserta a causa del coronavirus

Da ex zona turistica a paradiso della biodiversità, quando la natura si riappropria del territorio

Lunedì 23 Marzo, migliaia di meduse rosa sono state avvistate vicino a Corong Corong Beach sull’isola tailandese di Palawan. Questa spiaggia sabbiosa è solitamente invasa da barche che sbarcano molti turisti che vengono a godersi questo scenario idilliaco. Ora è abbandonata a causa della pandemia di coronavirus e la natura ha logicamente riacquistato i suoi diritti. Un vero e proprio patrimonio della biodiversità. I pescatori locali hanno filmato l’incredibile scena mentre navigavano in acque vuote la scorsa settimana. Uno di loro, Alimar Amor, ammette di non aver mai visto uno spettacolo simile prima. Le meduse in questione sono il Crambione, appartenenti alla famiglia dei Catostylidae. Nel linguaggio comune, sono chiamate “meduse al pomodoro” o “labong-labong”, a seconda del termine locale. Ogni tanto, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la natura vince e si riappropria di territori che prima erano ad uso e consumo esclusivo (o quasi) dell’uomo. E’ quello che è avvenuto sull’isola tailandese di Palawan, dove una spiaggia  ex zona turistica, frequentatissima da turisti e locali, in questo periodo di pandemia, è tornata ad essere un luogo particolarmente amato da animali, pesci e qunat’altro. Un vero e proprio patrimonio della biodiversità.

Comunicato Stampa – Giovanni D’Agata – Sportello dei Diritti

Recommended For You

About the Author: PrM 1