Emergenza Coronavirus, a Motta San Giovanni (RC) in distribuzione le mascherine chirurgiche e gli ultimi buoni spesa

“Nelle prossime ore consegneremo gli ultimi buoni spesa, soddisfacendo così tutte le richieste pervenute e consentendo alle famiglie più in difficoltà di poter contare su un aiuto concreto. Inoltre, tenendo conto delle segnalazioni dell’ufficio politiche sociale, delle parrocchie e delle associazioni che operano sul territorio, abbiamo distribuito pacchi alimentari e offerto assistenza per il ritiro di farmaci o beni di prima necessità. Abbiamo già avviato le procedure per il rimborso dei buoni spesa alle attività commerciali che hanno presentato fattura elettronica e nei prossimi giorni l’ufficio ragioneria emetterà i relativi mandati. Abbiamo distribuito mascherine ai medici di famiglia e alle attività commerciali”.

È quanto dichiara il sindaco Giovanni Verduci a margine di una riunione del Centro Operativo Comunale che ha visto partecipare in videoconferenza i responsabili degli uffici comunali e dell’associazione di Protezione civile “Garibaldina”.

“La Protezione civile regionale – continua il primo cittadino – ha fornito al nostro Comune mascherine monovelo e chirurgiche. Da giovedì 30 aprile, fino a esaurimento scorte, chi ha necessità della mascherina può ritirarla presso gli uffici comunali di Motta San Giovanni e Lazzaro o farne richiesta al numero 0965718130 ma, ovviamente, non c’è disponibilità per tutti i residenti. Per questo motivo chiedo ai miei concittadini un atto di responsabilità e solidarietà, chiedo di non recarsi agli uffici comunali se possiedono già delle mascherine o se sono in grado di acquistarle autonomamente lasciando così quelle gratuite alle persone davvero in difficoltà, a quanti sono costretti per cure mediche ad allontanarsi dal proprio domicilio, a chi svolge lavori a contatto con il pubblico”.

“Stiamo valutando alcune iniziative rivolte ai più giovani – prosegue il sindaco – alle associazioni sportive e alle attività commerciali, così come non tralasciamo di seguire l’ordinaria amministrazione e quei procedimenti particolarmente delicati o che cambieranno il volto al nostro territorio come la riqualificazione del lungomare, il ripascimento e la protezione del litorale, la viabilità comunale e metropolitana, il dissesto idrogeologico, la gestione integrata dei rifiuti e le gare per la riqualificazione delle scuole e del centro sociale di Motta”.

“Attraverso l’Anci – conclude quindi Giovanni Verduci – abbiamo presentato al Governo alcune richiesta ribadendo la necessità di un piano straordinario di azioni a favore dei Comuni. Solo attraverso un articolato programma che coinvolga tutti gli enti e tenga conto delle reali necessità dei territori potremo, davvero, contrastare questa crisi economica, sanitaria e sociale che si è abbattuta su tutti noi”.

Recommended For You

About the Author: PrM 1