L'attrice Elena Russo contro omofobia e femminicidio accogliendo il progetto editoriale di Eugenio Cardi - Ilmetropolitano.it

L’attrice Elena Russo contro omofobia e femminicidio accogliendo il progetto editoriale di Eugenio Cardi

La famosa attrice Elena Russo (Il Maresciallo Rocca, Don Matteo, Elisa di Rivombrosa, Baciami piccina e tanti altri), napoletana di nascita, romana di adozione, ha preso ufficialmente posizione contro due terribili fenomeni sociali che ancora attanagliano la nostra società, ovvero omofobia e femminicidio. L’ha fatto accogliendo spontaneamente e entusiasticamente il progetto editoriale di Eugenio Cardi, noto scrittore romano proveniente da una lunga esperienza di volontariato.

“Come pipistrelli nella notte” infatti è il nuovo romanzo di Eugenio Cardi che sarà in tutte le librerie dal prossimo 4 giugno, pubblicato contemporaneamente in Italia e in Argentina. Prefazione di Michela Marzano, pubblicato da Santelli Editore, distribuzione Messaggerie Libri. Il nono romanzo di Eugenio Cardi ci racconta una storia tutta al femminile, una dura storia vera scritta e raccontata in prima persona singolare.

“Come pipistrelli nella notte” sarà presentato nel prossimo autunno presso la Biblioteca Civica Centrale di Torino, la Sala Santa Maria in Aquiro del SENATO della Repubblica (dove l’attrice Elena Russo leggerà dei brani tratti dal libro) e nella sede milanese del Parlamento Europeo, Sala Conferenze, Palazzo delle stelline (contando naturalmente che il Corona Virus lo permetta).

La famosa attrice Elena Russo ha postato sulla propria pagina ufficiale Facebook una propria foto con il libro di Cardi tra le mani, dichiarando: “Credo fortemente che, soprattutto in tempi così cupi, ognuno di noi può fare del proprio meglio per combattere terribili fenomeni sociali come femminicidio, sessismo e omofobia. Ognuno come può, con i propri mezzi”.

????????????????????????????????????

“Come pipistrelli nella notte” è già prenotabile presso tutte le librerie del territorio nazionale o presso le piattaforme online.

Sinossi

“Come pipistrelli nella notte” è un romanzo di denuncia sociale contro due terribili fenomeni sociali della nostra epoca: il femminicidio e l’omofobia. Il romanzo di Cardi è liberamente ispirato ad una storia vera di vita vissuta: Kira è una giovane donna della periferia romana cresciuta fin troppo in fretta per via dei violenti e frequenti litigi tra i suoi genitori. Proprio per non assistere a tali terribili litigate usa rifugiarsi tutti i pomeriggi, a soli 8 anni, in casa di Noemi, sua dirimpettaia, di sei anni più grande. Lì, in quell’appartamento, quest’ultima la sottopone a pesanti avances sessuali (che sfociano in veri e propri abusi) a cui Kira non riesce a sottrarsi. Inoltre in piena fase adolescenziale Kira comprende perfettamente il suo orientamento omosessuale, cosa che però non riesce in alcun modo a comunicare ai suoi genitori conoscendo la forte difficoltà di questi ad accettare tale orientamento e l’eventuale conseguente atteggiamento violento del padre davanti ad una notizia del genere. Così Kira stretta tra le durissime liti familiari, l’alcolismo del padre e la frustrazione di non poter fare coming out trascorre le sue notti fuori casa, appena adolescente, diventando come un pipistrello nella notte: dorme di giorno ed esce di notte, cercando paradossalmente di trovare un suo equilibrio, la sua essenza, la sua stessa anima tra le luci delle discoteche e l’immersione nell’alcol, nella droga e nella promiscuità sessuale. E’ fortemente in difficoltà così fa e prova di tutto per cercare di non pensare a quella sua vita così disordinata e confusa che le procura molta ansia e soprattutto cerca disperatamente di dimenticare quel che accade tra le pareti domestiche di casa sua dove nel frattempo, giorno dopo giorno, si consuma la tragedia…

Tratto dal romanzo: Andai al funerale ancora con la stampella, ma stavo molto meglio. Avevo indossato una pelliccia sintetica, di quelle ecologiche, sotto avevo un gilet e una t-shirt nera che mi aveva regalato poco tempo prima proprio Alessio e che riportava la scritta “Born to run”, dal famosissimo disco di Bruce Springsteen. A lui piaceva tanto quella citazione, mi diceva che un po’ lo rappresentava ed il pensiero che invece aveva definitivamente smesso di correre mi faceva allagare gli occhi di lacrime. Presi l’autobus. Il sole caldo ottobrino penetrava attraverso i finestroni, io guardavo fuori, e pensavo alla mia vita, a quella di Daniela, di Alessio, di Rachele, di Lavinia, di Noemi, di Claudia, perfino di Amedeo. Eravamo tutti disadattati, ognuno a modo suo, e noi, quelli ancora in vita, eravamo dei sopravvissuti. Eravamo vittime e carnefici, o carnefici e vittime, scambiandoci spesso i ruoli. Con Daniela e sua madre ci incontrammo sul sagrato della basilica e ci abbracciammo a lungo. Si respirava una gran pace, in quel luogo, tra le foglie degli alberi, e la tristezza scese su tutti noi, silenziosa come la morte. Finita la cerimonia, deposi una rosa rossa sulla bara ed abbracciai ancora Daniela, sfogando la mia tristezza in un pianto liberatorio. Ma non so per chi piangessi, in realtà; forse per Alessio, forse per me stessa, forse addirittura per tutti noi, vivi e morti. Non c’è mai stato un tempo delle fragole per noi, e forse non ci sarà mai.

Recommended For You

About the Author: PrM 1