Abano Terme punta su professionisti calabresi per rilanciare il turismo

Professionisti calabresi per il rilancio del Turismo ad Abano Terme

Dopo l’emergenza Covid-19 che ha messo in serie difficoltà soprattutto il settore turistico, c’è chi scommette in una nuova strategia per la grande ripartenza. Il Comune di Abano Terme sceglie una Task Force di esperti del settore formata da professionisti calabresi. Abbiamo intervistato per voi la reggina Katya Sapone.

Il Covid-19 ha portato una serie di importanti difficoltà nel settore turistico. Quali possono essere gli strumenti idonei per un rilancio? “Prima di parlare degli strumenti, sarebbe bene dire che tutto nasce da un’analisi del target, della destinazione e delle ricerche. Si sviluppa poi una Strategia sulla base del momento storico e dell’analisi effettuata. Dopodiché entrano in gioco gli strumenti web, la comunicazione sui social, la stampa”.

Come è nata l’idea di una task force? “Siamo già un team che collabora su diversi progetti in anche in ambito turistico. In questo caso specifico si tratta di Abano Terme (PD) tra le località termali più note importanti d’Europa.  Manuel Faè ha prima coinvolto Giovanni Cerminara, esperto di Marketing Turistico per una prima analisi. Avendo individuato nell’analisi un’opportunità di rilancio per Abano Terme ha proposto anche a Stefano Rigazio e a Mary Curatola di collaborare al progetto. Stante la complessità del progetto, si è ritenuto necessario coinvolgere anche me (Katya Sapone) e Rita La Piana per supportare la gestione dei canali social dell’iniziativa”.

Come è avvenuto il contatto tra il Comune e gli esperti scelti? “E’ nato tutto da una telefonata intercorsa tra il sindaco di Abano Terme, Federico Barbierato e Manuel Faè. Manuel ha accennato al sindaco i dati che emergevano dall’analisi fatta online assieme a – Giovanni Cerminara – in merito all’interesse per Abano Terme: l’interesse per la località termale rimaneva comunque “alto” malgrado il periodo particolare in cui eravamo e la gente continuava a cercare informazioni su “Abano Terme e cure termali”. Lì è scoccata la scintilla che ha fatto nascere l’ipotesi di collaborazione tra il nostro team (con l’obiettivo di aiutare una località turistica) e l’amministrazione di Abano Terme”. 

Come mai un Comune addirittura diverso dalla regione da cui voi tutti provenuti ha pensato di credere in un gruppo di professionisti calabresi? “In realtà, ai 4 professionisti della Calabria nella Task Force troviamo anche un veneto e un piemontese. Quella con il Sindaco di Abano Terme è stata una scelta reciproca. Il Sindaco ha scelto di collaborare con Professionisti ed Esperti, indipendentemente dall’origine geografica. Noi, abbiamo deciso di lavorare su una destinazione che è un Brand riconosciuto dai turisti, attivo e pronto a creare materiale comunicativo per intercettare e restare in contatto con i turisti”.

Avete ricevuto proposte del genere dal vostro territorio? “Non ce n’è stato il tempo, ma siamo ovviamente pronti a supportare il nostro territorio qualora ce ne fosse la necessità e ce ne fossero le condizioni”.

Le vostre strategie per il rilancio del settore turistico potrebbero diventare una ‘prassi’ indipendente dal questa emergenza? “Sì, assolutamente. Si potrebbe riadattare la strategia per fare marketing turistico per la destinazione, anche in situazioni normali e promuovere la metà turistica”.

Recommended For You

About the Author: Ilenia Borgia