Emissione francobollo Bruno Ielo

20202505Francobollo BRUNO IELO

In calce alla presente la testimonianza di Stefano Massini, giornalista e scrittore, che ha lanciato l’appello per la realizzazione del francobollo al Ministro dello Sviluppo ecomicono, durante una puntata della trasmissione Piazzapulita, su La7.

La testimonianza di Stefano Massini

A risvegliare l’attenzione sulla storia di Bruno Ielo, commerciante ucciso in Calabria dalla ‘ndrangheta nel 2017, è stato lo scrittore Stefano Massini, che nel suo intervento settimanale all’interno della trasmissione televisiva Piazzapulita, su La7, ha proposto al Ministro dello Sviluppo Economico e al Presidente della Repubblica la dedica di un francobollo. “Chi era Bruno Ielo?”, domanda Massini. E fornisce subito una risposta precisa e appassionata: “Bruno era un ex carabiniere, un uomo semplice con un senso semplice delle cose giuste. Sembra poco, ma basta e avanza. Bruno Ielo, terminato il suo servizio nell’Arma, aveva aperto nella periferia di Reggio Calabria una tabaccheria, da gestire insieme alla figlia. Niente di eroico, niente di epocale: aprire una tabaccheria. Peccato che quell’esercizio commerciale infastidisse una delle cosche locali. Cominciarono le minacce. Poi gli avvertimenti. Poi gli atti violenti. Bruno Ielo, in una sera di maggio, per strada, è stato ucciso per non aver ceduto a chi intende la convivenza sociale basata sulla legge della paura”. Ma c’è anche un’altra domanda: perché, per ricordarlo, proprio un francobollo?

“Sarebbe bello – spiega Massini – se proprio i tabaccai, preposti per legge alla vendita dei valori bollati, potessero vendere un francobollo intitolato a uno di loro, a un tabaccaio irriducibile e tenace. Fra tanti che si montano la testa, Bruno Ielo era uno che la testa non l’ha abbassata, semplicemente perché la testa alta è sinonimo di coraggio”.

Recommended For You

About the Author: PrM 1