Lecco. Picchia la moglie in piazza, fermato dalle volanti - Ilmetropolitano.it

Lecco. Picchia la moglie in piazza, fermato dalle volanti

Nel tardo pomeriggio di Venerdì 07 Agosto u.s., durante un servizio di controllo del territorio, gli Agenti della Polizia di Stato di Lecco – Squadra Volanti, a seguito di una segnalazione giunta tramite 112 alla Centrale Operativa della Questura, intervenivano in Largo Europa, dove era stato segnalato un soggetto che stava picchiando una donna. I due equipaggi giunti prontamente sul posto, interrompevano la condotta aggressiva dell’uomo che, incurante di quanto aveva appena commesso, manteneva un comportamento aggressivo ed ingiuriava gli Agenti. Una volta bloccato, un uomo di anni 45 con precedenti di polizia per resistenza a pubblico ufficiale, veniva quindi condotto in Questura. La donna invece, che nel frattempo si era allontanata, veniva raggiunta sul Lungolario Isonzo con evidenti segni di percosse. Palesemente scossa e dolorante per i colpi ricevuti, raccontava agli Agenti di essere la moglie di colui che poco prima non si era fatto scrupoli a picchiarla selvaggiamente. In particolare, si riteneva immotivatamente responsabile di quanto accaduto, finendo per colpevolizzare se stessa per le percosse ricevute dal marito.

La donna, condotta in ospedale, riportava lesioni guaribili in 7 giorni e rifiutava categoricamente di querelare l’uomo. Quest’ultimo veniva ad ogni modo denunciato dagli operatori per resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale. Sono in corso ulteriori accertamenti per definire le esatte responsabilità dell’uomo nei confronti della moglie, nonché per l’adozione nei confronti del marito violento delle misure ad oggi contemplate dalle normative sulla violenza di genere. La Polizia di Stato è vicina a tutte le donne e sottolinea l’importanza di denunciare gli episodi di violenza subita, fisica o psicologica, nonché la possibilità di essere assistite dai centri antiviolenza diffusi sul territorio e di essere collocate in una struttura protetta, anche con i propri figli.

 

fonte  — https://questure.poliziadistato.it/Lecco/articolo/18745f32b19043012246246996

Recommended For You

About the Author: PrM 1