Reggio Calabria, atto di vandalismo. Incendio colonia registrata e gestita da Il Gattonero Onlus - Ilmetropolitano.it

Reggio Calabria, atto di vandalismo. Incendio colonia registrata e gestita da Il Gattonero Onlus

Caro direttore, oggi raccontiamo l’ennesimo atto di vandalismo che colpisce gravemente i randagi di Reggio, nonostante tutti i nostri sacrifici per dare una vita dignitosa a questi esserini che non hanno chiesto di venire al mondo, le cui vite sono il frutto dell’egoismo atavico di una cittadinanza che nel 2020 non ha ancora capito l’importanza della sterilizzazione per contenere il randagismo. Ogni giorno, con qualunque condizione meteo, con i nostri pochi mezzi, facciamo del nostro meglio per supplire all’assenza totale delle istituzioni, da sempre latitanti in questa città nel compito che spetterebbe loro per legge, la tutela dei randagi e la loro sterilizzazione. Ma a tanti cittadini questo dà fastidio, il nostro quotidiano servizio volontario è tutt’altro che apprezzato. Quello che per noi rappresenta un atto di civismo, oltre che l’espressione del nostro amore e rispetto per gli animali più indifesi, nel quale mettiamo grande cura cercando di mantenere sempre pulita e in ordine l’area di ogni colonia per tenere lontani insetti ed altri animali nocivi ed allontanare il rischio di malattie per i poveri randagi, per molti è motivo di disgusto e derisione nei nostri confronti.

Stanotte una colonia regolarmente registrata ed accudita dalla nostra associazione è stata data alle fiamme. Ignoti hanno appiccato un incendio e distrutto l’area della Colonia, le poche installazioni che ci permettevano di sfamare i gatti, i rifugi, i bancali, le ciotole, tutto dato in pasto alle fiamme. Siamo profondamente addolorati, feriti e vogliamo qui urlare la nostra rabbia! Luridi trogloditi che non meritano di stare al mondo!! E ci stiamo trattenendo!! Tutti i volontari del Gattonero si uniscono a Daniela Gironda e a suo marito Eric Luki nel denunciare pubblicamente quello che è stato fatto alla colonia del Gattonero. Una colonia separata dalla strada da un cancello, sempre pulita e curata, che Daniela ed Eric puntualmente tenevano sgombra da erbacce e rifiuti ed avevano dotato di bancali, cucce e punti pappa. L’unico punto in zona in cui i gatti potessero rifugiarsi dal momento che l’area è vicinissima allo svincolo dell’autostrada!! Ma alla gente di Reggio Calabria dava fastidio l’esistenza di una colonia pulita ed accudita! Dava fastidio che i gatti avessero un’alternativa al finire schiacciati dalle auto! Agli abitanti di Reggio Calabria non garbava che qualcuno avesse un pensiero per questi poveri mici dimenticati da tutti! E allora cosa hanno ben pensato di fare?! Ma di darle fuoco, naturalmente! Da criminale troglodita qual’è, qualcuno ha ben pensato di mettere fuoco a tutto, distruggendo ogni cosa… e dimostrando davvero a quali infimi livelli può arrivare questa città! Ovviamente ci stiamo già muovendo per sporgere denuncia, e ovviamente sappiamo che non servirà! Perché nessuno avrà visto nulla e anche se il colpevole sarà individuato non passerà un giorno in galera!
Perché qui degli animali non frega nulla a nessuno!
Noi ci appelliamo alle autorità nell’approssimarsi delle elezioni, questo schifo DEVE finire! Non è possibile che una città come Reggio Calabria sia rimasta al Medio Evo come tutela degli animali. Ci rivolgiamo a tutti quelli che ci leggono perché condividano questa notizia, perché si sappia ovunque come si trattano i randagi a Reggio Calabria! E ci rivolgiamo a chi può perché ci aiuti. Daniela ed Eric come sempre si stanno già attivando per sistemare ciò che si può sistemare, ma è veramente assurdo che debbano come sempre tirar fuori tutto di tasca loro, con più di 200 gatti di cui già si occupano nella loro struttura Le chat Noir. Non è giusto! Così come non è giusto che dei criminali che si divertono a dar fuoco a una colonia siano lì fuori, liberi e orgogliosi della loro miseria morale!
“Verrà il giorno…” Scriveva Manzoni, ” verrà il giorno…”.

I volontari de Il Gattonero-Onlus

Recommended For You

About the Author: PrM 1