Reggio Calabria, Sportello del Consumatore: "il diritto al voto diventa un dovere nella situazione in cui versa la nostra città" - Ilmetropolitano.it

Reggio Calabria, Sportello del Consumatore: “il diritto al voto diventa un dovere nella situazione in cui versa la nostra città”

Mentre impazza il dibattito sul ballottaggio alle comunali, i cittadini di Reggio sono chiamati a decidere non solo del loro futuro immediato ma, visto la previsione di risorse che sarà destinata alla nostra città, anche sul futuro delle prossime generazioni. Una responsabilità alla quale innanzitutto riteniamo nessuno si debba sottrarre: il diritto al voto diventa un dovere nella situazione in cui versa la nostra città. Ma soprattutto riteniamo che si debba uscire dalle logiche che hanno consegnato il governo cittadino nelle mani incapaci di chi ha ridotto la città ad un immenso sversatoio, ad un cratere desertico in cui l’unica acqua disponibile non scende dai rubinetti ma si raccoglie nelle buche per le strade.  Come Sportello del Consumatore abbiamo lottato in questi anni contro i disagi causati da un diffuso malgoverno che ha mantenuto al massimo le tariffe per servizi inesistenti, che ha dimostrato di non riuscire a garantire i servizi essenziali, che ha portato la città agli onori della cronaca non già per la sua bellezza e per le sue eccellenze piuttosto per le brutture della spazzatura non raccolta vero monumento all’incapacità dei nostri governanti. Non ci interessa entrare nel merito delle singole responsabilità: quando si tocca il fondo giova poco guardare al passato remoto; occorre piuttosto guardare al futuro. Ed il futuro non può essere consegnato di nuovo in mano di chi nel presente è autore o, nella migliore delle ipotesi, complice di questo disastro che è sotto gli occhi di tutti.

Non possiamo dunque che augurarci ed augurare a tutti i nostri concittadini che a vincere al ballottaggio non sia “l’usato garantito” di cui si sente favellare, perché di garantita c’è solo l’incapacità dimostrata negli ultimi 6 anni da Falcomatà; ci auguriamo che a prevalere sia il buonsenso di affidare il destino di questa martoriata città in mani che hanno dimostrato competenza e rigore amministrativo, come ben appalesato dal curriculum professionale del dott. Antonino Minicuci.

Recommended For You

About the Author: PrM 1