Situazione extracomunitari in Serie A, per il Crotone nessuno slot disponibile - Ilmetropolitano.it

Situazione extracomunitari in Serie A, per il Crotone nessuno slot disponibile

Anche quest’anno è stata confermata la normativa che regola l’acquisto di giocatori extracomunitari da parte dei club di Serie A. Per chi non la conoscesse, andiamo a ricapitolare il regolamento, almeno nelle sue parti più importanti; in seguito, troverete anche una panoramica generale degli slot disponibili per le 20 partecipanti al prossimo campionato.

Tesseramento extracomunitari in Serie A, cosa sapere

Si parte da una suddivisione netta, i club sono divisi in tre gruppi, basandosi sul numero di extra-UE tesserati a titolo definitivo alla fine della stagione 2019-20: chi aveva più di due extracomunitari, chi ne aveva 2 e chi invece 0 o 1. Nel primo e nel secondo caso, si hanno a disposizione due nuovi slot per la stagione che sta per cominciare e in entrambi i casi c’è bisogno di un’uscita (cessione all’estero, svincolato o passaporto comunitario conseguito entro il 4 agosto scorso). La seconda variabile è valida solo per chi aveva già più di 2 extracomunitari in rosa: uno dei due nuovi arrivati deve poter contare su 5 presenze (valgono anche le panchine) nella propria nazionale (contando anche le giovanili) o 2 nell’ultimo anno. I club che invece avevano 0 o 1 giocatore extra-UE in rosa, possono arrivare al numero massimo di 3 senza alcuna condizione (quindi avendo a disposizione, rispettivamente, 3 e 2 slot). Chiarita, a sommi capi, la normativa, andiamo a fare il punto sulla situazione extra-comunitari in Serie A.

Crotone senza slot

Il Crotone, ad esempio, aveva cinque extracomunitari in rosa la scorsa stagione e aveva a disposizione quindi 2 slot “standard”. E’ arrivato il giovane cileno Rojas (18 anni) e con la Stella Rossa è stato imbastito lo scambio Vulic-Markovic, col primo che si è aggiunto all’organico di Stroppa. Restano in rosa Simy, Kargby e Messias, probabile che Aristoteles Romero venga ceduto nuovamente in prestito. Insomma, il Crotone non può più tesserare extracomunitari in questa sessione di calciomercato ed è di certo un handicap per Vrenna che vede ora molte meno opportunità sul mercato: va detto che proprio il direttore generale ha parlato di cinque acquisti per completare l’organico e puntare così alla salvezza, ad oggi giudicata poco probabile dai siti di scommesse online più consultati in Italia ed elencati nelle liste dei siti specializzati . Situazione simile alla Juventus: i bianconeri hanno ufficializzato gli acquisti di Arthur e dello statunitense McKennie (che si aggiungono ai vari Alex Sandro, Bentancur, Cuadrado, Danilo, Demiral e Douglas Costa), ha liberato uno slot il giovane Matheus Pereira. Benevento, Bologna, Fiorentina, Genoa, Inter, Milan, Parma, Roma, Sampdoria, Sassuolo, Spezia, Torino e Verona hanno ancora entrambi gli slot liberi, a dimostrazione che la tendenza è in netto ribasso.

Il colpo Osimhen

Diverse, poi, le squadre che hanno chiuso già un colpo in entrata per quanto riguarda gli extracomunitari. Il Napoli, ad esempio, ha speso 80 milioni di euro per portare Victor Osimhen alla corte di Gattuso: i partenopei hanno però già liberato l’altro posto grazie alla cessione definitiva del brasiliano Leandrinho, tornato in patria, e quindi non avranno vincoli legati alle presenze in nazionale. L’Atalanta ha acquistato Miranchuk e per ora non ha venduto extra-comunitari (1 slot a disposizione), discorso identico per il Cagliari che ha acquistato Luvumbo. Per la Lazio c’è da segnalare l’arrivo dell’ariete kosovaro Muriqi, prelevato dal Fenerbahçe per 20 milioni di euro: per tesserare un altro extra-UE, il club di Lotito dovrà vendere uno tra Wallace, Bastos, Marusic e Strakosha. Uno slot a disposizione anche per l’Udinese che, con l’arrivo di Molina, fa salire addirittura a 10 il numero di extracomunitari in rosa. È la squadra che ne vanta di più, davanti a Juventus (8), Roma, Fiorentina e Bologna (7).

Recommended For You

About the Author: PrM 1