Rudi Lizzi (FdI):“Ho chiesto al Sindaco Metropolitano un’agenda di interventi per la locride” - Ilmetropolitano.it

Rudi Lizzi (FdI):“Ho chiesto al Sindaco Metropolitano un’agenda di interventi per la locride”

“In seguito al sopralluogo che il Sindaco Metropolitano ha voluto fare su alcuni territori della locride, accompagnato dai Consiglieri Neri e Versace, insieme ad altri amministratori dei comuni del comprensorio – Fuda, Mantegna e Ceratti – ho fatto presente a Falcomatà i tanti nodi irrisolti della nostra area. Per questo motivo ho chiesto di calendarizzare un’agenda di interventi secondo le priorità, in odine di viabilità, strutture pubbliche e arterie di collegamento. Infatti dopo la visita a San Luca, siamo stati a Natile dove il campo sportivo è in totale abbandono, per non parlare della strada franata che si congiunge a Careri. Anche a Bovalino urge un intervento di riqualificazione del Palazzetto dello sport, struttura indispensabile per le attività aggregative e sociali. Dopo essere stati a Siderno, a visionare funzionalità e questioni dirimenti sulla discarica di S. Leo, ho fatto presente al Sindaco Falcomatà l’importanza strategica in termini di viabilità e crescita dei territori, delle arterie ‘Locri-Gerace’ e ‘Gerace-Canolo’; le quali, insieme alla strada di scorrimento veloce ‘Bovalino-Bagnara’, rappresentano lo snodo cruciale per lo sviluppo e la crescita economica della locride. Per me opera irrinunciabile per la nostra comunità, e nell’esercizio del mio mandato cercherò con tutti gli strumenti politici ed amministrativi di vederla a compimento. Infine, non è superfluo sottolineare che il sopralluogo di Falcomatà ha potuto focalizzare l’attenzione solo su alcune delle criticità della locride, per questo ci siamo ripromessi, che le visite sui territori dovranno essere più frequenti e più costanti, proprio per seguire meglio e con maggiore contezza l’evolversi degli interventi e soprattutto lo stato d’avanzamento delle opere strutturali ed infrastrutturali messe in campo dalla Città Metropolitana”.

Recommended For You

About the Author: PrM 1