Mercato d'Arte: Duchamp "perde quota" - Ilmetropolitano.it

Mercato d’Arte: Duchamp “perde quota”

foto di Silvana Marrapodi

19:37 – Henri-Robert-Marcel Duchamp nacque a Blainville-Crevon il 28 Luglio 1887 in una Famiglia d’Arte, si dedicò fin da subito alla scoperta di nuove espressioni artistiche che lo portarono a conoscere nel 1915 il fotografo e pittore statunitense Man Ray, con il quale strinse una forte amicizia. Duchamp è conosciuto come l’ideatore del Ready-Made, in cui gli oggetti già esistenti sul mercato vengono riadattati e modificati, perdendo la loro funzione utilitaristica, per divenire così un’opera d’arte ricca di valore simbolico; oggi, accanto a Picasso e Matisse, l’artista viene considerato uno tra i più grandi e influenti pittori del XX Secolo.

Le Case d’Aste del XXI Secolo hanno mostrato verso questo unico artista innovatore un’attenzione particolare, tanto che, durante le aste, le opere di Duchamp, molto apprezzate dai collezionisti, hanno raggiunto negli anni valori che sfiorano i 10 milioni di Euro. La sua Arte tuttavia non ha mai avuto la stabilità riservata agli artisti canonici, come Leonardo, il valore delle opere realizzate da Duchamp ha sempre oscillato vertiginosamente, rendendo l’acquisto incerto, infatti nel 2010 “Monte Carlo Bond n. 30”, facente parte dei “Monte Carlo Bond”, un metodo inventato da Duchamp per sbancare Monte Carlo, è stato scambiato per 780 mila Euro, nel 2015 per 2,2 milioni di Euro, ma il 4 Febbraio 2020 da Sotheby’s, Casa d’Aste fra le più importanti al Mondo, sita a Londra, è stato ceduto per “soli” 540 mila Euro, afferma il Magazine Arte e Dossier. Interessanti sono tali oscillazioni che il Mercato dell’Arte riserva per Duchamp, infatti un altro esempio è “Scacchiera” firmata e utilizzata personalmente dall’Artista, la quale nel 2006, ancora da Sotheby’s, è stata aggiudicata per 734 mila Euro, tuttavia il 4 Novembre 2013 venne ceduta per 1,9 milioni di Euro.

Il Mercato dell’Arte l’anno scorso ha subito la crisi dovuta alla Pandemia di Coronavirus, come del resto la maggior parte dell’economia Mondiale, è stato dunque possibile per i collezionisti, le Fondazioni e le Gallerie aggiudicarsi pezzi unici a prezzi contenuti. In particolar modo, Duchamp ha perso lentamente quota sia per la scarsità di opere disponibili, infatti restano da acquistare quasi solamente litografie per via della sua scarsa produzione pittorica, sia per la crisi del 2020.

Solamente ”Fountain” sembra non risentire delle variazioni del Mercato, il quale viene tutt’oggi ceduto per più di 1 milione di Euro. Nel 2021 quindi sarà possibile acquistare un Duchamp a prezzi modici e accessibili, basterà semplicemente porre attenzione alle Aste, avendo cura di controllare la provenienza, l’origine e l’autenticità dell’opera. Sui siti delle più importanti Case d’Aste è già possibile trovare dei Duchamp originali per 8 mila Euro o poco più, una cifra veramente esigua se paragonata all’immenso ruolo che l’artista ha assunto nella Storia dell’Arte. (cit. ARTE E DOSSIER)

SM

Recommended For You

About the Author: Pr2