Recovery. Scuola, prevista riforma reclutamento insegnanti - Ilmetropolitano.it

Recovery. Scuola, prevista riforma reclutamento insegnanti

Nuovo modello basato su valutazione titoli, poi un anno di formazione

(DIRE) Roma, 23 Apr. – All’interno della missione 4 (Istruzione e ricerca) della bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza che sara’ presentata domani in Cdm, sono previsti 830 milioni per il miglioramento dei processi di reclutamento e di formazione degli insegnanti. In particolare, 30 milioni andranno per la Scuola di Alta Formazione e formazione obbligatoria per dirigenti scolastici, docenti e personale tecnico-amministrativo e 800 milioni per la Didattica digitale integrata e formazione sulla transizione digitale del personale scolastico. “L’attuale sistema di reclutamento degli insegnanti richiede una revisione finalizzata a poter coprire, con regolarita’, le cattedre disponibili con insegnanti di ruolo. Per favorire in concreto la formazione continua e l’aggiornamento occorre un sistema di incentivi che si fondi sull’idea di una progressione di carriera dell’insegnante basata sulla misurazione del rendimento e sulla disponibilita’ di incrementarlo passando attraverso percorsi di autovalutazione, valutazione e recupero personalizzato delle competenze” si legge nella bozza. Il nuovo modello di reclutamento degli insegnanti sara’ collegato ad un ripensamento della loro formazione iniziale e durante tutta la carriera- prosegue la bozza del piano- si operera’ una semplificazione delle attuali procedure di concorso pubblico strutturando la procedura nel modo seguente: sulla base della valutazione dei titoli culturali e di servizio e dello svolgimento di una prova computer based si forma una graduatoria per coprire tutti i posti vacanti e disponibili. Per i vincitori immessi nelle cattedre si avvia, quindi, un anno di formazione on the job e prova finale, il cui superamento determina l’immissione in ruolo a tempo indeterminato. La prova conclusiva e’ di tipo idoneativo affinche’ l’insegnante venga confermato nel posto in cui e’ stato immesso dovendo permanerci per almeno un triennio. Il processo normativo sara’ avviato nel 2021 e concluso nel 2022″. (Adi/Dire) 18:13 23-04-21

Recommended For You

About the Author: PrM 1