Rischi naturali: le attività del Multirischi Arpacal per la lotta alla desertificazione - Ilmetropolitano.it

Rischi naturali: le attività del Multirischi Arpacal per la lotta alla desertificazione

Oggi si celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale dedicata alla lotta alla desertificazione, quel processo climatico-ambientale, causato spesso dalle attività umane, che provoca progressivamente la degradazione dei suoli, la riduzione delle risorse idriche e la scomparsa della biosfera. Per l’Arpacal, il Centro Funzionale Multirischi, diretto dall’ing. Eugenio Filice, oltre a far parte del Sistema di Allertamento Regionale per il Rischio Idrogeologico ed Idraulico, in virtù dei dati raccolti dalle stazioni meteo dislocate sull’intero territorio regionale, monitora costantemente gli indicatori della siccità che sono anche precursori del rischio desertificazione. “In particolare – spiega l’ing. Salvatore Arcuri del Multirischi – vengono valutati costantemente i parametri di precipitazione, temperatura e di altri indici che forniscono indicazioni precise sulla disponibilità di risorsa idrica sul territorio. Tra questi, tra i più importanti è da annoverare l’indice SPI (Standardized Precipitation Index, ndr) , sviluppato da McKee et al. (1993), che ha lo scopo di quantificare il deficit di precipitazione per diverse scale temporali, in modo da considerare gli impatti della siccità sulle differenti risorse d’acqua: su scale brevi è l’umidità del suolo a risentire delle anomalie di precipitazione, al contrario, deflussi sotterranei, fiumi, invasi rispondono su scale più lunghe”.

L’indice viene calcolato tipicamente per periodi di 1-3-6-12 mesi, le durate di 1-3 mesi danno informazioni sulle disponibilità idriche dei suoli ai fini delle produzioni agrarie, le durate di 6-12 mesi (ed oltre) danno informazioni sulle disponibilità idriche a livello di bacino idrologico (portate fluviali e livelli di falda). Connesso al fenomeno della desertificazione vi è anche l’aumento del rischio di incendi. Proprio per tenere sotto controllo questo rischio, per tutto il periodo della Campagna regionale Anti Incendi Boschivi, il Centro Funzionale emette a cadenza giornaliera, il Bollettino di Suscettività all’innesco degli Incendi Boschivi, indirizzato a tutti i comuni calabresi ed agli attori istituzionali. Nei prossimi mesi, inoltre, verrà reso disponibile il Bollettino Idrologico che riporterà, a cadenza mensile, l’andamento dei suddetti parametri; tale bollettino sarà uno dei servizi offerti dal nuovo portale del Centro Funzionale, in implementazione nell’ambito del più vasto e complesso Progetto POR Centro Funzionale 2.0, in fase realizzazione. L’Arpacal, negli anni passati, fu individuata come soggetto partner del Progetto Desertnet, Programma Interreg IIIB Medocc, per la realizzazione delle Carta delle Aree Sensibili alla Desertificazione in scala 1:250.000. Le esperienze di studio condotte dall’Agenzia furono, oltre alla partecipazione all’iniziativa comunitaria Interreg IIIB spazio MEDOCC, anche il Progetto SEDEMED “Studio dei fenomeni di siccità e desertificazione nel Bacino Mediterraneo”, nonché il Progetto DESERTNET “Monitoraggio ed azioni di lotta alla desertificazione nella regione mediterranea europea”.

Recommended For You

About the Author: PrM 1