Pericolo di una nuova pandemia, legata alla recente diffusa circolazione del pericoloso virus Nipah - Ilmetropolitano.it

Pericolo di una nuova pandemia, legata alla recente diffusa circolazione del pericoloso virus Nipah

India in allerta dopo la morte di un bambino di 12 anni. Nel 2019 era già stato segnalato un focolaio di infezioni in questa regione dell’India meridionale

Verso una “potenziale” nuova epidemia. Dopo la morte di un ragazzo a contatto con altre 188 persone, le autorità sanitarie temono una “potenziale epidemia” e cercano di contenerla. Il virus Nipah preoccupa seriamente le autorità sanitarie indiane che stanno cercando di contenere il virus nella regione in cui è apparso, ovvero nel Kerala, nel sud del Paese. La provincia è stata messa in allerta. Finora ha ucciso solo una persona, ma è necessaria cautela. Infatti, con un tasso di mortalità superiore al 70%, questo virus è, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), un agente infettivo emergente che potrebbe innescare gravi epidemie se dovesse evolversi per guadagnare in trasmissibilità. Ciò ha portato l’OMS a farne una priorità di ricerca con l’obiettivo di prevenire le crisi sanitarie, come riporta l’Institut Pasteur. Inoltre, il ministro della Salute dello Stato del Kerala, Veena George, ha spiegato che “per il momento non c’è motivo di farsi prendere dal panico. Ma bisogna essere cauti”, come riporta India Today. “Abbiamo deciso di formare delle squadre per far fronte alla situazione. Sono già stati avviati il ​​tracciamento dei contatti e altre misure. Abbiamo assegnato agenti speciali. “Un bambino deceduto e altri due casi confermati. Il 3 settembre un ragazzo di 12 anni ha presentato  sintomi di encefalite e miocardite. È ricoverato.” Molto rapidamente, i medici hanno sospettato un’infezione con il virus Nipah. Le sue condizioni sono rapidamente peggiorate e il bambino è morto 48 ore dopo il ricovero il 5 settembre. Il campione prelevato al bambino è risultato positivo al virus Nipah, dopo le sue analisi da parte dell’istituto nazionale di virologia. Altre due persone, due operatori sanitari, sono state identificate con sintomi di infezione da virus Nipah, come ha chiarito il governo indiano. Sarebbero tra i 20 casi di contatto ad alto rischio del ragazzo deceduto. Si dice che sia entrato in contatto con un totale di 188 persone. Il virus Nipah è un virus che viene trasmesso dagli animali all’uomo e più specificamente attraverso la saliva del pipistrello della frutta. Successivamente colpisce principalmente suini, cani, ma anche cavalli, fino all’uomo. Tra gli esseri umani, il virus si diffonde da persona a persona attraverso le secrezioni di persone infette, ma attualmente il virus non è molto contagioso tra gli esseri umani. Tuttavia, il virus può portare alla morte. Questo è quello che è successo al ragazzo di 12 anni. Potrebbe esserci un’infezione senza sintomi, ma per il resto si tratta di febbre, tosse, emicrania, vomito e problemi respiratori tra 4 e 14 giorni dopo l’esposizione. Con difficoltà respiratorie acute o addirittura encefalite, l’infezione è fatale. Con un tasso di mortalità superiore al 70%. Inizialmente, il virus è stato identificato nel 1998, in Malesia, con suini come ospiti intermedi: molti allevamenti sono stati chiusi e gli animali macellati per contenere l’epidemia in quel momento. Più di 300 persone sono state infettate e più di un centinaio sono morte. Precedenti epidemie hanno dimostrato che può diffondersi abbastanza rapidamente negli esseri umani, come sottolinea Forbes. In Bangladesh si registrano casi ogni anno. E nel 2019, in Kerala, erano morte 17 persone come specificato dall’OMS. Dato il pericolo biologico che rappresenta, il virus Nipah può essere gestito solo in un laboratorio P4. Ad oggi, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non esistono cure o vaccini. I pazienti devono essere isolati per evitare il contatto fisico, ma poi, a parte la prevenzione e il tenere il cibo lontano dai pipistrelli, i ricercatori devono ancora trovare una cura.

C.S. “Sportello dei Diritti”

Recommended For You

About the Author: PrM 1