Nuova variante AY4.2 Covid "Delta Plus" identificata in un israeliano di 11 anni - Ilmetropolitano.it

Nuova variante AY4.2 Covid “Delta Plus” identificata in un israeliano di 11 anni

La sua prevalenza è in crescita nel Regno Unito ma per ora non desta preoccupazione

Un ragazzo israeliano di 11 anni di ritorno dalla Moldavia in Israele è stato identificato come positivo al COVID, portatore della nuova variante Delta AY4.2, l’unico caso registrato in Israele del nuovo ceppo del coronavirus. La variante “Delta Plus” chiamata ufficialmente “AY.4.2.”, è l’ultima osservata speciale nel Regno Unito, che si trova da alcune settimane alle prese con un aumento sostenuto dei nuovi casi di contagio quotidiani. La Delta Plus, che presenta la mutazione S:Y145H nella cosiddetta proteina spike, è stata rintracciata nell’8% dei campioni di virus sequenziati nei laboratori oltremanica. La sua presenza nel Regno ha iniziato a essere riscontrata già a partire dallo scorso mese di luglio. Da quel momento la sua quota di prevalenza ha iniziato lentamente a crescere. Alcuni esperti hanno ipotizzato che questa possa essere potenzialmente più contagiosa nell’ordine del 10-15% rispetto alla sua progenitrice. Ma si tratta di cifre che non dovrebbero tradursi in un forte incremento dei contagi. Potrebbe essere “marginalmente più contagiosa” ma in ogni caso “non ha nulla a che vedere con ciò che abbiamo visto con le varianti Alpha e Delta, che erano più trasmissibili del 50 o 60%”, ha precisato alla BBC il professor Francois Balloux, direttore del Genetics Institute della University College London. E quanto sta accadendo nel Regno Unito si discosta infatti in modo deciso rispetto allo scenario statunitense, dove l’ascesa della “AY.4.2” ha avuto brevissima durata nella seconda parte dell’estate, prima che la sua curva imboccasse la discesa. Lo stesso dottor Gottlieb, in un tweet successivo, ha sottolineato che questo nuovo sottolignaggio della Delta “non costituisce motivo d’immediata preoccupazione ma ci ricorda che abbiamo bisogno di sistemi affidabili per identificare e descrivere le nuove varianti” del virus. Tuttavia, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, i numeri espressi dagli esperti non la rendono così allarmante, tale ad una nuova variante preoccupante: nulla a che vedere con le varianti Alpha e Delta, anche se potrebbe essere marginalmente più contagiosa. Ed è importante precisarlo, per innestare subito un freno a eventuali allarmismi che sarebbero, per ora almeno, del tutto ingiustificati. Al momento infatti non risulta che questa nuova sottovariante del coronavirus abbia nel suo curriculum capacità significativamente maggiori di trasmissibilità.

c.s. Sportello dei Diritti – Giovanni D’Agata

Recommended For You

About the Author: PrM 1