Raro "albero di balsamo" biblico trovato raffigurato su un sigillo di ametista di 2000 anni - Ilmetropolitano.it

Raro “albero di balsamo” biblico trovato raffigurato su un sigillo di ametista di 2000 anni

La piccola pietra lilla con l’incisione di un uccello e un ramo con cinque frutti era caduta nel principale canale di scolo di Gerusalemme del periodo del Secondo Tempio

Negli ultimi decenni prima della distruzione del Periodo del Secondo Tempio, qualcuno, un ebreo, forse un pellegrino, percorse l’imponente strada che collegava la Piscina di Shiloah alla periferia di Gerusalemme con il Monte del Tempio. Per l’importante occasione, indossava i suoi abiti e gli ornamenti più preziosi, tra cui un delicato anello con incisa una pietra di ametista lilla. Ma tra la folla l’anello si è rotto, la pietra è scivolata sul pavimento e poi nel canale di scolo sotterraneo.Circa 2000 anni dopo il minuscolo manufatto è stato recuperato da volontari setacciando il terreno scavato durante uno scavo archeologico nella zona. Dopo averla esaminata, gli esperti hanno trovato un’ulteriore sorpresa: la pietra iridescente presenta probabilmente la prima rappresentazione conosciuta di una pianta menzionata in modo prominente nella Bibbia e in successive fonti ebraiche e storiche, come la Città di Davide, l’Autorità per le antichità israeliane. e l’Israel Nature and Parks Authority hanno annunciato congiuntamente giovedì. Conosciuta come “balsamo di Galaad” (tzari in ebraico), albero di balsamo (nataf) o più tardi nel periodo mishnaico “cachi”, la pianta, il cui nome scientifico moderno è commiphora gileadensis, era usata per produrre profumi, incenso e medicine. Il ramo allungato con cinque frutti incisi sulla pietra ha attirato l’attenzione degli esperti perché sembrava essere qualcosa di diverso da qualsiasi altra specie mai trovata ritratta sui sigilli dell’epoca.”Verso la fine del periodo del Secondo Tempio, l’uso di stampi in pietra si espanse e divenne più comune, ma nella maggior parte dei francobolli scoperti finora con incisioni di piante, è comune trovare piante che erano comuni in Israele all’epoca: viti, datteri , e le olive, che sono tra le sette specie, ma su questo sigillo di pietra, abbiamo subito notato che il frutto che appare su di esso, è diverso da qualsiasi altro frutto che abbiamo incontrato fino ad oggi “, ha affermato il prof. Shua Amorai-Stark, un esperto di gemme incise. Il balsamo di Galaad era anche noto per essere un componente del profumo preferito della leggendaria regina d’Egitto Cleopatra.”Si tratta di un ritrovamento importante perché potrebbe essere la prima volta in tutto il mondo che viene scoperto un sigillo con un’incisione della preziosa e famosa pianta, di cui fino ad ora si poteva leggere solo nelle descrizioni storiche”, ha affermato l’archeologo Eli Shukron, che ha condotto lo scavo alle fondamenta del Muro Occidentale per conto dell’IAA e della Città di David.Il sigillo è stato trovato dai partecipanti al progetto “Esperienza archeologica” presso il Parco nazionale Emek Tzurim, sostenuto dalla Città di David e dall’Autorità per la natura e i parchi.La pietra ovale, di circa 10 mm. lungo e 5 mm. ampio presenta anche un uccello, probabilmente una colomba.Gli esperti hanno notato che sia l’albero che la colomba incarnavano buona fortuna e successo.“La pianta del balsamo è un simbolo positivo perché al di là del fatto che veniva utilizzata per produrre profumi e medicinali, all’antico cachi, che tra l’altro non è affatto simile all’odierno cachi, erano attribuite proprietà magiche e cerimoniali ed è uno dei ingredienti usati per fare l’incenso del Tempio durante il Periodo del Secondo Tempio, ovvero quando è stato fatto questo sigillo”, ha osservato Shukron.”La colomba è anche un motivo positivo nel mondo ellenistico, romano ed ebraico”, ha detto Amorai-Stark. “Simboleggia ricchezza, felicità, bontà e successo”.Secondo l’esperto, , rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il proprietario degli anelli era probabilmente una persona benestante.”La produzione e il commercio che avvenivano intorno alla pianta di cachi erano strettamente controllati all’epoca dagli ebrei che vivevano nel bacino del Mar Morto, dove veniva coltivato il frutto”, ha osservato Amorai-Stark. “Immagino che il proprietario del sigillo fosse un uomo che possedeva un frutteto di cachi, e quando è venuto dall’artigiano che gli ha fatto l’anello, è possibile che abbia portato un ramo di cachi in modo che l’artigiano sapesse cosa intagliare sulla pietra».

Comunicato Stampa – Sportello dei Diritti

Recommended For You

About the Author: PrM 1