Passeggero britannico ubriaco aggredisce assistente di volo tra Amsterdam e Parigi: caos in aereo - Ilmetropolitano.it

Passeggero britannico ubriaco aggredisce assistente di volo tra Amsterdam e Parigi: caos in aereo

Lo “Sportello dei Diritti”: vietare la vendita e l’utilizzo di alcolici sui voli 

foto di GNS

Completamente ubriaco un passeggero britannico di 28 anni ha aggredito un assistente di volo e ha creato scompiglio su un volo tra Amsterdam, Paesi Bassi e Parigi CDG, Francia, Domenica 26 Dicembre. In base a quanto riportano le testate francesi e della compagnia aerea che conduce un’indagine ufficiale sul caso, l’uomo aveva bevuto un’intera bottiglia di alcol acquistata al duty-free dell’aeroporto. Poi, completamente ubriaco, secondo i racconti degli altri passeggeri, ha attivato il rilevatore di fumo della toilette e urinato nella cabina dell’aereo. Ha anche spinto un’assistente di volo e afferrato il seno. Il capitano ha richiesto l’assistenza della polizia quando l’aereo è atterrato all’aeroporto CDG di Parigi. Dopo che gli altri passeggeri hanno lasciato l’aereo, la polizia ha bloccato il giovane britannico ubriaco che ha anche insultato la polizia durante il suo arresto. È stato prima messo in una cella per smaltire la sbornia prima di essere preso in custodia dalla polizia.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta dell’ennesimo caso segnalato e rimbalzato sulle cronache di viaggiatori ubriachi su voli di linea che, quindi, evidenzia un problema di non poco conto che riguarda la sicurezza in volo che si è accresciuto negli ultimi tempi. Episodi violenti per varie ragioni, la più comune è l’alcool e il fatto che, soprattutto durante voli lunghi alzano un po’ il gomito.

L’International Air Transport Association (Iata) afferma che i casi sono tantissimi e in aumento del 50%, facendo riferimento solo agli eventi che sono stati registrati dalle compagnie aeree. Dal 2007 si registrano quasi 59 mila incidenti avvenuti in volo a causa di passeggeri violenti. L’anno in cui se ne sono registrati di più è stato senza dubbio il 2016. Si parla di minacce verbali, fisiche e ripetuti tentativi di entrare nella cabina di pilotaggio. Sicuramente, i passeggeri violenti sono solo una piccola fetta dei miliardi di passeggeri che volano ogni anno. Appare, dunque, del tutto evidente però, che debba essere urgentemente ripensata la disciplina della vendita e dell’utilizzo di alcol a bordo, con misure più drastiche come quella del divieto assoluto, come è già stato fatto da tempo per il fumo.

Nel Dicembre 2021, per esempio, il presidente Vladimir Putin ha firmato un decreto che consente l’uso di deterrenti speciali contro i teppisti, comprese le manette di plastica. Inoltre, dal 2017, la Russia mantiene liste nere di passeggeri violenti. Le persone in questo elenco potrebbero non essere in grado di acquistare un biglietto aereo.

c.s. – Giovanni D’Agata

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1