Vicenza: Carburante annacquato. Sequestrato un distributore stradale e circa 18 mila litri di carburanti - Ilmetropolitano.it

Vicenza: Carburante annacquato. Sequestrato un distributore stradale e circa 18 mila litri di carburanti

Denunciato il gestore

Nei giorni scorsi, i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza, nell’ambito dei controlli finalizzati a verificare gli eventuali aumenti ingiustificati dei prezzi di carburanti e il corretto assolvimento delle accise, nel Comune di Colceresa (Vi) hanno sottoposto a sequestro probatorio un distributore di carburante stradale, composto da 3 serbatoi interrati, 2 colonnine di erogazione carburante, con complessive 4 pistole erogatrici e 1 cassa automatica.

È questo il bilancio dell’operazione condotta dal Gruppo della Guardia di Finanza di Bassano del Grappa a seguito dell’avvio delle operazioni di verifica nei confronti di una S.r.l. con sede legale nella città meneghina e con unità locale a Colceresa (Vi), operante nel commercio al dettaglio di carburante per autotrazione.

In particolare, nel corso della preliminare attività di polizia economico-finanziaria posta in essere dalle Fiamme Gialle bassanesi, al fine di rilevare eventuali condotte di abusiva miscelazione di prodotti petroliferi utilizzati come carburanti da autotrazione in evasione di accise e IVA, sono stati eseguiti presso il distributore stradale alcuni accertamenti speditivi con strumenti idonei a verificare la composizione degli idrocarburi e le quantità di erogazione.

Le richiamate attività hanno permesso di riscontrare che all’interno delle cisterne di gasolio e benzina vi era una rilevante presenza di acqua, oltre il limite consentito dalla normativa unionale di riferimento, che, mischiata al carburante, veniva erogata durante i normali rifornimenti di ignari clienti.

Accertata l’irregolarità, è immediatamente scattato il sequestro probatorio di 3 cisterne della capacità, rispettivamente, di 7.420 litri (contenente 7.240 litri di diesel), di 10.292 litri (contenente 5.613 litri di diesel) e di 10.292 litri (contenente 4.679 litri di benzina), per un totale di circa 18 mila litri di carburante miscelato con acqua, 2 colonnine di erogazione carburante, 4 pistole erogatrici e 1 cassa automatica.

Il legale rappresentante della S.r.l., gestore dell’impianto di distribuzione di carburante, è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Vicenza per il reato di frode in commercio, poiché ha posto in vendita carburanti mescolati con acqua, con duplice potenziale danno del consumatore finale, sia in termini di qualità del prodotto – con il conseguente rischio di arrecare grave nocumento alle autovetture rifornite – sia in termini quantitativi – tenuto conto del minor prodotto energetico erogato – così praticando una concorrenza sleale nei confronti dei distributori stradali operanti nel territorio berico.

L’attività di servizio si inserisce nel quadro della campagna di controllo economico del territorio avviata dalle Fiamme Gialle beriche sul prezzo e sull’erogazione dei carburanti nell’intera provincia, a tutela dei consumatori e degli operatori onesti del settore, mediante il ricorso a strumenti investigativi maggiormente incisivi volti a rilevare eventuali manovre speculative, anche sfruttando le segnalazioni che pervengono dai cittadini al numero di pubblica utilità 117.

Si rappresenta che la misura è stata eseguita d’iniziativa da parte della polizia giudiziaria operante e che, per il principio della presunzione d’innocenza, la colpevolezza della persona sottoposta ad indagine in relazione alla vicenda sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

comunicato stampa Guardia di Finanza Comando Provinciale Vicenza

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano