FdI. Meloni: Da PD accuse deliranti, vogliono fermarci - Ilmetropolitano.it

FdI. Meloni: Da PD accuse deliranti, vogliono fermarci

(DIRE) Roma, 14 Giu. – “Puntuale come un orologio, all’indomani delle elezioni amministrative di fatto vinte da un centrodestra trainato da Fratelli d’Italia, riparte l’armamentario ideologico del PD. Riparte con l’accusa a Fdi di essere un movimento impresentabile, che fa paura, xenofobo, fascista, e chi più ne ha più ne metta.

Ho letto dichiarazioni deliranti di metà del PD che già sta preparando la prossima campagna elettorale”. Così la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in un video pubblicato su Facebook. Meloni punta il dito contro le dichiarazioni di Lia Quartapelle: “La responsabile della politica estera del PD, parla in riferimento a un mio intervento di ‘rantoli’, che per il vocabolario è ‘il respiro tipico degli agonizzanti’. Non so se il suo sia un augurio o se lei faccia riferimento a una forza politicamente organizzante, perché in questo caso le ricordo che FdI è tutt’altro che agonizzante e continua a crescere nel consenso tra i cittadini.

E sapete perché amici del Pd? Perché le vostre idiozie non se le bevono più. Perché gli italiani hanno capito che c’è un partito che difende i loro interessi mentre ce ne sono altri che difendono quelli del partito stesso, quando va bene”. Per Meloni questa situazione “peggiorerà con la campagna elettorale, man mano che si avvicinerà il voto delle elezioni politiche, ma noi non abbiamo paura. Continueranno imperterriti nel loro disperato tentativo di fermarci, ma finché gli italiani saranno con noi non l’avranno vinta.

Perché non esiste potere più forte del popolo italiano”. Infine, conclude: “Quartapelle in queste deliranti dichiarazioni dice che noi faremmo parte di un’internazionale di destra sostenuta finanziariamente dalla Russia. Mi aspetto che dia sostanza a questa accusa gravissima: dica a cosa fa riferimento o dovrà dirlo ai giudici della giustizia italiana”. (Anb/ Dire) 18:01 14-06-22

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1