Uno studio sulle cause della depressione provoca polemiche - Ilmetropolitano.it

Uno studio sulle cause della depressione provoca polemiche

L’ipotesi, in vigore negli ultimi decenni e che è servita per una vasta letteratura scientifica, presuppone che una persona che non produce abbastanza serotonina necessiti di supporto chimico

Uno studio britannico che mette in discussione l’efficacia degli antidepressivi chimici ha acceso un acceso dibattito nella comunità scientifica, dove non c’è un chiaro consenso sulle origini di questa malattia. “Il nostro studio (…) mette in discussione l’idea dietro l’uso di antidepressivi”, hanno affermato gli psichiatri Joanna Moncrieff e Mark Horowitz alla fine di Luglio sul sito The Conversation, dopo il loro studio pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry. Questo studio critica l’ipotesi della serotonina, molecola essenziale per la trasmissione delle emozioni nel cervello.

L’ipotesi, in vigore negli ultimi decenni e che è servita per una vasta letteratura scientifica, presuppone che una persona che non produce abbastanza serotonina abbia bisogno di un supporto chimico. Questo nuovo studio, basato su una raccolta di pubblicazioni precedenti e quindi più solido di uno studio isolato, conclude che il legame tra un deficit di serotonina e l’insorgenza della depressione non è decisivo.

La presentazione della ricerca, da parte di Joanna Moncrieff, una psichiatra nota per il suo scetticismo sulle spiegazioni biologiche della depressione, ha suscitato critiche. “Nel complesso sono d’accordo con le conclusioni degli autori, ma non condivido la loro incrollabile certezza”, ha detto lo psichiatra britannico Phil Cowen al Science Media Center. “Nessun professionista della salute mentale ” oserebbe affermare che un problema complesso come la depressione “deriva da un singolo neurotrasmettitore”, afferma Cowen. Alcuni critici, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sottolineano che questa nuova compilazione da parte degli psichiatri non misura direttamente il livello di serotonina ma piuttosto la sua presenza indiretta.

Moncrieff, che è un aspro critico dell’industria farmaceutica, ribatte che la comunità psichiatrica è ancora dominata dalla teoria della serotonina. “Ci sono eminenti psichiatri che stanno cominciando a dubitare del legame tra depressione e carenza di serotonina, ma nessuno si è preso la briga di avvertire il pubblico”, scherza l’autrice sul suo blog. Per lo psichiatra svizzero Michel Hofmann, sono gli autori di questo nuovo studio a fare un passo avanti. Mettendo in discussione il legame tra serotonina e depressione, continuano suggerendo che gli antidepressivi non dovrebbero essere usati.

“È uno studio serio (…) ma non penso che sia un articolo che ha un impatto a breve termine sulla prescrizione di antidepressivi”, ha detto questo esperto. Moncrieff sottolinea, tuttavia, che non consiglia di interrompere bruscamente gli antidepressivi. Hofmann, così come molti altri psichiatri, ricordano che questi farmaci si sono dimostrati efficaci nell’alleviare la depressione, qualunque sia l’origine della malattia.

“I meccanismi dei farmaci utilizzati nel trattamento della depressione sono generalmente molteplici e nella maggior parte dei casi non si sa esattamente cosa renda efficace un trattamento”, spiega. Il dibattito sulla serotonina illustra il mistero che circonda una malattia complessa, una delle più importanti per il suo impatto sulle società occidentali. “Continuiamo a livello di ipotesi, continuiamo a indagare e confrontare i modelli”, conclude Hofmann.

comunicato stampa Giovanni D’Agata  –  Sportello dei Diritti

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1