Branco di 15 cani ha attaccato una famiglia britannica a Corinto - Ilmetropolitano.it

Branco di 15 cani ha attaccato una famiglia britannica a Corinto

L’attacco che ha coinvolto il padre 52enne e due figli è avvenuto il 13 Agosto 2022 quando sono stati attaccati anche da 15 cani selvatici Rhodesian Ridgeback

Gli attacchi di cani continuano in Grecia con vittime sia bambini che adulti. Questa volta, due bambini britannici, di 9 e 11 anni, e il loro padre di 52 anni, gravemente ferito, sono stati attaccati da un branco  di 15 cani a Sousaki, Corinthia. L’attacco che ha coinvolto il padre 52enne e due figli è avvenuto il 13 agosto 2022 quando sono stati attaccati anche da 15 cani selvatici Rhodesian Ridgeback, come riportato dal Daily Mail. Il padre dei bambini, St.K., parlando al Daily Mail ha detto: “Avevamo camminato per un chilometro sul sentiero turistico prima che i cani si avvicinassero a noi. La mia prima reazione è stata quella di mettere il mio corpo tra i cani e i bambini”. “Nelle mie mani tenevo solo uno zaino con le bottiglie d’acqua dei bambini.

L’ho usato per fermare i cani finché non mi hanno morso la mano così forte che mi è stata lanciata via. Poi mi hanno buttato a terra e hanno iniziato a mordere. Pensavo che sarei morto”, ha detto. Ha continuato: “Continuavo a chiedermi: ‘Come può finire?’ Ho perso la voglia di vivere. Mi sentivo come se non avessi forza”. Dopo che il 52enne era “fuori battaglia”, i randagi hanno inseguito i tre figli minorenni.

R. di 11 anni e Danny di 9 anni sono rimasti feriti alle gambe, mentre quest’ultimo è stato ferito al busto. Il terzo figlio “presente” all’incidente, T., è riuscito a scappare. “Quando ho visto i ragazzi a circa 30 metri dietro di me, mi ha dato un motivo per andare avanti. Mi ha dato una sorta di potere divino”, ha detto il 52enne. SK. con tutta la forza che gli era rimasta inseguì il branco di cani selvatici e riuscì a spaventarli. In seguito, tutti e quattro sono riusciti a salire rapidamente a bordo del loro veicolo e ad allontanarsi dalla scena. “Ho dovuto guidare per 20-25 minuti senza usare la mano sinistra.

È stata la sfida più difficile dell’intera giornata”, ha aggiunto il 52enne. Una volta arrivati ​​in ospedale i bambini sono stati soccorsi, mentre il 52enne è stato operato per due ore e mezza ed è stato ricoverato per sei giorni. Lui e sua moglie, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti, hanno intentato una causa la scorsa settimana. (foto di repertorio)

c.s. –  Giovanni D’Agata

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1