Ambiente. Pescatori scozzesi, disperati per la scomparsa del salmone - Ilmetropolitano.it

Ambiente. Pescatori scozzesi, disperati per la scomparsa del salmone

In mezzo alle rapide del fiume Spey in Scozia, Ian Gordon aspetta che un pesce abbocchi, ma come altri pescatori osserva che i fiumi scozzesi stanno finendo il loro famoso salmone selvatico

In mezzo alle rapide del fiume Spey in Scozia, Ian Gordon aspetta che un pesce abbocchi, ma come altri pescatori osserva che i fiumi scozzesi stanno finendo il loro famoso salmone selvatico. Pescatori e associazioni ambientaliste mettono in guardia sugli effetti del cambiamento climatico, della deforestazione e della proliferazione dei parassiti. “Ho iniziato a pescare qui negli anni ’70 quando ero un bambino”, ha detto Ian Gordon all’AFP. “E allora non dovevamo aspettare così tanto per ottenere del salmone davvero bello!”, aggiunge. Il numero di “pesci ha iniziato a diminuire tra la metà degli anni ’80 e la fine degli anni ’90”, afferma. “Oggi è rimasto solo il 20% del pesce” che esisteva in quel momento. In passato, centinaia di migliaia di giovani salmoni dell’Atlantico risalivano i fiumi scozzesi ogni anno per raggiungere l’oceano. Un quarto di loro è poi tornato a deporre le uova nelle acque di origine, ma oggi solo il 4% lo fa, secondo il River Spey Fisheries Committee. In Scozia, dove i pescatori sono tenuti a liberare le loro prede in base alle normative sulla protezione ambientale, nel 2021 sono state contate 35.693 prede , il numero più basso da quando sono stati registrati quei tristi record. Un equilibrio “coerente con il calo generale del numero di salmoni che tornano in Scozia”, ​​considerato un rapporto del governo scozzese di giugno. Per i pescatori come Ian Gordon, ciò è in parte dovuto alla pesca eccessiva di aringhe, una specie su cui poggia “un intero ecosistema” nel Regno Unito. Non essendoci le aringhe, i salmoni che raggiungono l’oceano sono diventati preda di altri predatori più grandi di loro. “Abbiamo un vero problema nell’oceano. E il cambiamento climatico è chiaramente il primo fattore”, aggiunge Andrew Graham-Stewart, direttore di Wildfish Scotland. “Non possiamo fare molto”, dice, sospirando, scandagliando le profondità dello Spey mentre passa il ponte Bonar nel nord della Scozia. “Quando i pesci raggiungono il mare, è chiaro che non trovano cibo”, spiega. E questo, secondo lui, è il risultato della mancanza di alberi a monte, dal momento che la Scozia “forse” ha perso “il 95%” delle sue foreste negli ultimi secoli a causa di guerre, industrializzazione e agricoltura. Le foreste forniscono ombra alle specie marine e riducono il deflusso delle acque di montagna , garantendo un flusso più costante durante tutto l’anno. Tutto ciò consente all’acqua di rimanere “relativamente fredda e il salmone ha bisogno di freschezza per sopravvivere e svilupparsi”, afferma Graham-Stewart. Alcune organizzazioni hanno deciso di agire. La River Dee Foundation e il Dee District Fisheries Committee hanno piantato più di 200.000 alberi lungo il fiume dal 2013 e sperano di averne piantati un milione entro il 2035. Nel 2016, diversi gruppi locali hanno rimosso una diga di cemento dal fiume Carron, in modo che l’acqua potesse defluire e facilitare il passaggio dei salmoni. Ma questo non risolve tutto, avverte Andrew Graham-Stewart, che accusa l’allevamento ittico intensivo delle isole scozzesi e delle Highlands (gli altopiani) di svolgere un ruolo “enorme” nella scomparsa del salmone selvatico, ad esempio diffondendo in mare pidocchi. La concentrazione di milioni di pesci in piccoli spazi, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, favorisce lo sviluppo di parassiti, commenta. I pidocchi si diffondono poi al salmone selvatico, che viene poi mangiato dal parassita. Le aziende di piscicoltura negano queste accuse e assicurano di proteggere l’ambiente e garantire la salute dei pesci. Dopo una lunga giornata a cacciare lo Spey, Ian Gordon torna a casa con la coda tra le gambe. Si toglie gli stivali e aggancia la sua canna da pesca al cofano della sua macchina. Il salmone, dice, “è un buon indicatore del fatto che il mare sia in buone condizioni o meno”. “Ora ci stanno dicendo: ‘Aspettate un attimo, ragazzi… c’è qualcosa che non va qui!'”, dice rassegnato.

Comunicato Stampa Sportello dei Diritti

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1