Desiderate una casa particolare? Scoprite lo stile wabi-sabi perfettamente imperfetto - Ilmetropolitano.it

Desiderate una casa particolare? Scoprite lo stile wabi-sabi perfettamente imperfetto

Un vecchio detto giapponese dice che la bellezza sta nell’imperfezione. E le stanze wabi-sabi ne sono la prova. Stoviglie storte, pareti grezze o mobili patinati. Tutti questi elementi funzionano a meraviglia in un interno wabi-sabi. Se preferite i colori naturali, la semplicità e il minimalismo, questo stile è perfetto per voi. Prendete ispirazione dai nostri consigli e portate l’inconfondibile fascino giapponese nella vostra casa.

La parola “wabi” oggi si traduce come semplice, modesto o umile e in sintonia con la natura. D’altra parte, “sabi” si traduce letteralmente in “fiore del tempo”. Pertanto, la semplicità, l’equilibrio e l’apprezzamento dell’invecchiamento come parte necessaria e bella della vita sono la chiave del wabi-sabi. Come deve essere un interno wabi-sabi e cosa non deve mancare?

Una celebrazione della natura

La filosofia wabi-sabi affonda le sue radici nell’antico Giappone. La gente comune e i monaci erano indignati dal fatto che i ricchi gustassero il tè da costose tazze decorate, così iniziarono a usare ceramiche semplici per protesta. Volevano dimostrare che la bellezza della vita non è nel suo splendore, ma nella sua semplicità. Il wabi-sabi ha poi trovato spazio in altri filoni della cultura giapponese. Che si tratti di architettura, di composizioni floreali chiamate ikebana o degli stessi interni. L’idea di base è quella di cercare la bellezza all’interno delle cose, di rendersi conto dell’impermanenza degli oggetti materiali e di concentrarsi sulla vita stessa. Gli stessi valori sono alla base del wabi-sabi nell’interior design. L’obiettivo non è quello di abbagliare i potenziali ospiti con accessori lussuosi e mobili costosi ma, di evocare pace, armonia e benessere nelle persone che vivono qui.

https://unsplash.com/photos/UIcBEy5TDTA

Non seguite le tendenze, seguite la vostra intuizione

Nella scelta dei colori per le pareti, attenetevi a una tavolozza di toni naturali e terrosi. Non potrete sbagliare con il marrone, il beige, il sabbia, l’oliva o il grigio. Inoltre, queste tonalità fanno risaltare meravigliosamente i pezzi più importanti della vostra casa, che si tratti di un divano di design o di una cassettiera antica. Poi i mobili e le decorazioni dovrebbero attirare maggiormente l’attenzione, anche quelli dall’aspetto vissuto e impreziositi da una patina.

Non nascondete le imperfezioni

La vita quotidiana lascia segni nella casa. Che si tratti di una crepa sul muro, di piccole ammaccature sui mobili, di vernice graffiata o di macchie causate da tazze bollenti. Tuttavia, non è necessario coprire nulla di tutto ciò secondo il wabi-sabi. Le ingiurie del tempo raccontano la storia dei loro proprietari e gli oggetti più vecchi aggiungono un’atmosfera inconfondibile agli interni.

Scoprite il fascino dell’asimmetria

L’asimmetria e l’irregolarità si adattano agli interni. Quindi, la prossima volta che appenderete dei quadri, posate il metro e metteteli sulla parete semplicemente a occhio. Smettete di stressarti per cuscini decorativi, tazze o libri che non sono perfettamente impilati o coordinati tra loro. Scoprirete che l’asimmetria darà vita alla vostra casa e vi sentirete molto più a vostro agio.

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1