Scoperto in Groenlandia il DNA più antico del mondo ha 2 milioni di anni - Ilmetropolitano.it

Scoperto in Groenlandia il DNA più antico del mondo ha 2 milioni di anni

Il DNA di 2 milioni di anni fa, il più antico mai estratto, è stato ottenuto nei sedimenti dell’era glaciale in Groenlandia, una scoperta che apre un nuovo capitolo per la paleogenetica, hanno annunciato gli scienziati Mercoledì

Il DNA di 2 milioni di anni fa, il più antico mai estratto, è stato ottenuto nei sedimenti dell’era glaciale in Groenlandia, una scoperta che apre un nuovo capitolo per la paleogenetica, hanno annunciato gli scienziati mercoledì. “Il DNA è stato in grado di sopravvivere per 2 milioni di anni, il doppio del DNA trovato in precedenza”, ha detto ad AFP Mikkel Winther Pedersen, uno degli autori principali dello studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature. Identificati nei sedimenti, i diversi frammenti di DNA provengono “dalla parte più settentrionale della Groenlandia, chiamata Capo Copenaghen, e appartengono a un ambiente che oggi non vediamo sulla Terra”, spiega.

Polo Nord Groenlandia – @GNS

Si sono conservate molto bene poiché sono state congelate e sono state trovate su superfici poco sfruttate, continua il professore dell’Università di Copenhagen. I ricercatori riflettono sull’adattabilità della specie perché, 2 milioni di anni fa, la Groenlandia,”terra verde” in danese, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, conosceva temperature superiori di 11º a 17ºC rispetto a oggi ma, a queste latitudini, il sole non tramonta durante i mesi estivi né sorge durante l’inverno. “Oggi non vediamo questa associazione di specie da nessun’altra parte sulla Terra”, afferma lo specialista in paleoecologia.

Questo “suggerisce che la plasticità delle specie – il modo in cui le specie sono in grado di adattarsi a diversi tipi di clima – potrebbe essere diversa da quello che pensavamo prima”, dice. Utilizzando una tecnologia innovativa, i ricercatori hanno scoperto che i 41 frammenti studiati sono più vecchi di 1 milione di anni rispetto al precedente record di DNA ottenuto da un osso di mammut siberiano. Era necessario determinare se il DNA fosse nascosto nell’argilla e nel quarzo e quindi è stato possibile separarlo dal sedimento per esaminarlo.

Il metodo utilizzato “fornisce una comprensione fondamentale del motivo per cui i minerali o i sedimenti possono preservare il DNA. È un vaso di Pandora che stiamo per aprire”, spiega Karina Sand, che dirige il gruppo di geobiologia dell’Università di Copenaghen e che ha partecipato allo studio. Per Winther Pedersen, con questa scoperta “rompiamo la barriera di ciò che pensavamo di poter ottenere in termini di studi genetici “.”Per molto tempo abbiamo creduto che 1 milione di anni fosse il limite della sopravvivenza del DNA, ma oggi vediamo che è il doppio.

E, naturalmente, questo ci spinge a cercare altri siti”, aggiunge. “Ci sono molti posti diversi in tutto il mondo che hanno depositi geologici che risalgono a tanto lontano, e anche più indietro nel tempo”, si congratula il ricercatore.

c.s. – Giovanni D’Agata

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1