India, bambino di 8 anni bloccato in un pozzo profondo 120 metri: è corsa contro il tempo per salvarlo mentre si trova a 17 metri - Ilmetropolitano.it

India, bambino di 8 anni bloccato in un pozzo profondo 120 metri: è corsa contro il tempo per salvarlo mentre si trova a 17 metri

I soccorritori, che gli stanno fornendo ossigeno, non sono stati in grado di appurare quali siano le sue condizioni

Sono ancora in corso le operazioni di salvataggio per estrarre T.S., otto anni, bloccato da tre giorni in un pozzo profondo 120 metri nello stato indiano del Madhya Pradesh. Quest’ultimo è particolarmente delicato per la presenza di pietre nel pozzo che ne bloccano l’accesso. Il piccolo è caduto nel pozzo il 6 dicembre intorno alle 17:00 (ora locale) mentre giocava in una fattoria. “Siamo subito accorsi sul posto. Respirava ed era ancora in grado di comunicare. L’operazione di salvataggio è iniziata alle 18:00 “, ha detto il padre del ragazzo. Macchine industriali, vengono utilizzate per scavare un tunnel parallelo per salvare il bambino bloccato a 17 metri di profondità. “Probabilmente ci vorrà del tempo a causa delle grosse pietre che bloccano la strada”, ha detto ai giornalisti il ​​magistrato che si occupa del caso. Tuttavia, dobbiamo agire rapidamente perché il bambino non comunica più. “Potrebbe essere svenuto.” Per dare il loro sostegno in ogni modo possibile, i suoi insegnanti e compagni di classe cantano e pregano intorno al pozzo ogni giorno. “T. è uno studente intelligente. Il suo salvataggio sarà una vittoria per tutti noi”. I pozzi artesiani, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sono molto diffusi nelle campagne indiane, ma poiché vengono quasi sempre lasciati scoperti, costituiscono un serio pericolo soprattutto per i bambini, causando ogni anno numerosi incidenti di questo tipo.  Di seguito il link del video del tentativo di recupero messo in atto dai soccorritori : https://www.itemfix.com/v?t=4bl85i&jd=1

Comunicato Stampa “Sportello dei Diritti”

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1