Turista svizzera si intenerisce per un’aragosta in un ristorante in Sardegna, l’acquista per liberarla in mare

La vicenda si è verificata in un rinomato locale a Golfo Aranci

Non riusciva a sopportare che quell’aragosta, contenuta nell’acquario di un ristorante a Golfo Aranci, in Sardegna, e pronta per essere cucinata su richiesta di un avventore del rinomato locale sul lungomare della località gallurese, dovesse morire.

Circa un chilo il peso dell’aragosta. E così una turista elvetica in vacanza con il marito, ha pagato un conto piuttosto salato, senza battere ciglio, per poi ridare la libertà all’animale.

L’episodio è avvenuto lo scorso giovedì sera. Davanti agli occhi prima increduli e poi emozionati dei proprietari del ristorante, la donna ha accarezzato dolcemente l’animale e poi lo ha gettato in mare. «Lei era felicissima, voleva fare un gesto buono», hanno raccontato.

Circa un chilo il peso dell’aragosta che la turista ha pagato caro e senza battere ciglio, per poi ridarle la libertà immortalata dal cellulare del marito che, felice come lei, ha ripreso il gesto «eroico».

La notizia, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha fatto il giro del web e non mancano i commenti pro e contro il gesto della turista. (foto di repertorio)

c.s. –  Giovanni D’Agata

banner video

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano

Il Quotidiano d’Approfondimento on line Il Metropolitano.it nasce nell’Ottobre del 2010 a Reggio Calabria, città in cui ha la propria sede, dal progetto di un gruppo di amici che vogliono creare una nuova realtà di informazione