Napoli, oltre 200 opere sottratte a Girolamini dopo guerra mondiale

(DIRE) Roma, 20 giu. – Sono oltre 200 gli oggetti trafugati dalla Chiesa dei Girolamini di Napoli e da altri locali del Complesso monumentale omonimo dopo la Seconda Guerra Mondiale. Grazie a un’accurata e complessa indagine, i Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale (Tpc) e gli storici dell’arte del Complesso dei Girolamini hanno ricostruito l’elenco delle opere sottratte. All’appello mancano numerosi pezzi tra cui vari busti reliquiari, lampadari, crocifissi, dipinti, mensole in marmo, organi, candelieri, vasi, ornamenti e altri beni di importante valore storico-artistico.

L’operazione, realizzata in attuazione del protocollo sottoscritto il 31 gennaio 2024 tra la Procura della Repubblica del Tribunale di Napoli e il Complesso Monumentale e Biblioteca dei Girolamini, ha consentito di realizzare una ricognizione delle opere d’arte e del prezioso arredo liturgico asportato. I Carabinieri e gli storici dell’arte dei Girolamini hanno portato avanti una serrata ricerca d’archivio procedendo al confronto tra la situazione attuale della Chiesa e le foto d’epoca rintracciate nell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione di Roma.

L’attività di ricognizione consentirà ai Carabinieri del Tpc di procedere all’inserimento di tutte le opere mancanti all’interno della Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, sviluppando così indagini finalizzate al ritrovamento e al recupero dei beni. Di seguito l’elenco delle opere sottratte di cui è disponibile una foto, mentre di un cospicuo numero è stata rintracciata solo la descrizione che verrà comunque inserita nella banca dati.

Nel conteggio generale mancano all’appello almeno 218 oggetti, così ripartiti: – 18 busti reliquiari – 1 crocifisso medievale – 2 busti in marmo – 14 crocifissi – 20 lampadari – 91 candelieri – 6 reggimensole in marmi policromi – 11 mensole in marmo – 4 cancelli in ottone delle cappelle laterali della Chiesa – 2 organi ornamenti in bronzo – 8 vasi in marmo policromo – fastigio in marmo (due angeli che reggono la croce della Cappella di San Francesco di Sales) – 2 medaglioni in marmo rappresentati Gesù e la Vergine – 2 angioletti ai lati della Pietà in terracotta del Sanmartino – 1 busto ligneo di San Francesco di Sales – 1 deposizione in marmo – 1 ancona d’altare – 2 pannelli lignei – 2 medaglioni raffiguranti Pietro e Paolo – 11 dipinti – 16 seggioloni della Sala Vico – 1 affresco staccato rappresentante Madonna con Bambin (Com/Dip/Dire) 09:51 20-06-24

banner video

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano

Il Quotidiano d’Approfondimento on line Il Metropolitano.it nasce nell’Ottobre del 2010 a Reggio Calabria, città in cui ha la propria sede, dal progetto di un gruppo di amici che vogliono creare una nuova realtà di informazione