Udine: arrestato in Largo Goldoni spacciatore pakistano e sequestrati quasi 42.000 €

Sabato, 6 Luglio, personale della Polizia di Stato della Squadra Mobile della Questura di Udine ha arrestato un cittadino pakistano 24enne, domiciliato in città, per cessione e detenzione illecita ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Durante un mirato servizio di controllo del territorio nelle aree e vie limitrofe al Parco Martiri delle Foibe, finalizzato a prevenire e reprimere lo spaccio ed il consumo di stupefacenti, poco dopo le ore 15.00, in Largo Goldoni, gli agenti notavano un cittadino straniero di nazionalità pakistana, già noto per reati specifici, prima nascondere qualcosa in un’aiuola e poi cedere un involucro ad un giovane che gli si era avvicinato, che a sua volta gli consegnava del denaro.

I poliziotti riuscivano a bloccare sia l’acquirente, ragazzo italiano residente fuori regione, che consegnava loro quanto aveva poc’anzi acquistato, 0,4 gr di cocaina e 0,1 gr di hashish, sia il cedente, trovato in possesso di 590 euro in banconote di tagli diversi.

Successivamente, gli operatori recuperavano ciò che lo straniero aveva dapprima nascosto, un mazzo di chiavi, una delle quali consentiva loro di entrare nella stanza di uno stabile lì vicino, dall’uomo presa in locazione.

All’interno della stanza, oltre ai suoi abiti e documenti, gli agenti trovavano ulteriori 42 grammi di hashish, suddivisi in più pezzi, e 41.190 euro in banconote, probabile provento di spaccio, visto che l’uomo è privo di qualsiasi fonte lecita di reddito o sostentamento.

La droga ed il denaro venivano sequestrati e l’uomo arrestato ed associato al locale carcere.

comunicato stampa  –  fonte: https://questure.poliziadistato.it/it/Udine/articolo/1220668e45582f3e2855287746

banner video

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano

Il Quotidiano d’Approfondimento on line Il Metropolitano.it nasce nell’Ottobre del 2010 a Reggio Calabria, città in cui ha la propria sede, dal progetto di un gruppo di amici che vogliono creare una nuova realtà di informazione