Motorshow Bologna

Occhi puntati su Bologna, direzione Motor Show, il prossimo 4 dicembre, quando aprirà la kermesse che da oltre vent’anni accompagna gli appassionati tra le novità delle due e quattro ruote a motore. Dopo una stagione di transizione, con l’edizione 2009 andata in rassegna senza la presenza delle case ufficiali – che hanno mantenuto un basso profilo disertando il Salone bolognese – si tornerà agli antichi fasti, con numerose novità di prodotto e le consuete esibizioni e gare nelle aree esterne ai padiglioni espositivi. Il mix che funziona è proprio questo, non trattare i motori staticamente, come tanti altri Saloni sparsi qua e là per il globo, bensì dare agli appassionati una visione a 360° coinvolgendoli nei test e prove sulle ultime novità. Quali saranno, quindi, queste novità che sbarcheranno a Bologna? La parola d’ordine, come già visto negli ultimi Saloni, sarà: abbattere le emissioni. Ma cosa si cela, realmente, dietro questa improvvisa visione virtuosa dei produttori di auto?

Non certo un improvviso amore per la natura e l’ecologia, quanto piuttosto le stringenti disposizioni normative della UE che impongono un abbattimento delle emissioni entro il 2012, calcolate sull’intera gamma di un produttore e non su singoli modelli. Ad essere maggiormente penalizzati dalla disposizione, saranno proprio coloro i quali più rapidamente si stanno muovendo per trovare soluzioni alternative e dispositivi da applicare ai modelli già presenti sul mercato, ovvero, i costruttori tedeschi. Sarà un fiorire di ibride a Bologna e prototipi completamente elettrici. Come sempre, la realtà sta nel mezzo, con la sperimentazione sull’elettrico che, al momento, è verosimile possa produrre benefici abbinata ai tradizionali propulsori termici.Così, Audi presenterà la A1 E-tron, ovvero, un connubio tra motore elettrico – come già anticipato con il prototipo E-tron a Detroit quest’anno – e motorizzazione a benzina, seppur con un’architettura inconsueta, il rotativo Wankel. Anche Seat presenterà una show car, già vista a Parigi, la IBE, progetto avveniristico con misure da citycar e linea da supersportiva.

Dove saranno i costruttori italiani? Il gruppo Fiat farà la parte del leone con le nuove motorizzazioni della Giulietta, con le declinazioni su diversi livelli di potenza del sistema Multiair e della seconda generazione dei diesel Multijet. In casa BMW, la ricetta per abbattere le emissioni si chiama Active Hybrid, con i SUV sportivi della casa di Monaco e l’ammiraglia Serie 7 tra le vetture che beneficeranno del sistema. Sul piano delle esibizioni in pista, per gli amanti delle quattro ruote di traverso, l’appuntamento si chiamerà Memorial Bettega, con i migliori piloti del panorama rallystico italiano e internazionale che si sfideranno nella Bomboogie Arena.

Fabiano Polimeni

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano